Supplì Bros, la testa sulle spalle e il cuore in cucina • Terzo Binario News

Alessandro e Michele: formazione a Ladispoli, consacrazione a Fiumicino. E ora l’obiettivo è abbracciare tutto il litorale romano

Uno in cucina, l’altra in sala bar. E nella testa un futuro ancora tutto da costruire. Già, perché quelle due location non erano posti nei quali lavorare, ma materie di studio nelle quali specializzarsi, per eventualmente poi, solo poi, provare ad imporsi nel mondo del lavoro. Ma Alessandro e Michele quel sogno ce lo avevano ben nitido in testa, tanto da colpire anche alcuni professori dell’Istituto alberghiero di Ladispoli, che in loro vedevano quella “scintilla” che fa la differenza.

L’ISIS Giuseppe Di Vittorio è stata la loro culla adolescenziale, quella dove le idee prendono forma e lo studio di fa vita concreta. Quattro anni di enormi sacrifici ma anche di grandi soddisfazioni. “Che arrivavano dalle piccole cose . Raccontano Alessandro e Michele – come quella volta che il professor Preparati (mai nome fu più profetico…, ndr) decise di premiare la nostra costanza aiutandoci a trovare il primo vero lavoro”.

Con alle spalle una vita di spostamenti, adattamenti, sacrifici e sofferenza, il primo obiettivo era quello di trovare un lavoro dipendente. “Non immaginavamo all’epoca di trasformarci in imprenditori – spiegano ancora Alessandro e Michele – perché eravamo concentrati sul presente. Ed è stato un bene, perché abbiamo fatto i passi mai più lunghi della gamba”

Sembrano parole di giovani d’altri tempi, e invece sono di due trentenni (chi più, chi meno…) con la testa sulle spalle e il cuore in cucina.

“Avevano voglia di imparare – spiegano ancora- di crescere. E per questo abbiamo puntato tutto sulla formazione professionale. Sia ovviamente all’Alberghiero di Ladispoli, ma anche con corsi privati e pubblici che ci dessero nuove competenze per nuove sfide”.

Alla fine la sfida delle sfide, mettersi in proprio, l’hanno colta nel momento peggiore: quello della pandemia. Mentre tutto si fermava, loro andavano avanti, cercavano opportunità studiavano strategie. E’ così che nascono i Supplì Bros, che se fossero un gruppo musicale sarebbero dixieland, raffinatezza e forza, divertimento e tecnica.

Per organizzare i pensieri (e il business) c’è voluto circa un anno e mezzo. Fatto anche di delusioni, di prospettive che non si concretizzavano. Di fallimenti, che però non hanno tolto la forza di andare avanti, di crederci. Con un unico ingrediente fondamentale: la passione. Fino alla prima uscita in pubblico.

“Abbiamo iniziato a Fiumicino con il truck – raccontano -, tipico dello street food, appena la pandemia ce lo ha consentito. Ed è stato un successo. Abbiamo incontrato il gradimento della gente, che ha apprezzato la nostra proposta di street food fatta di suppli e pizza fritta proposti con ricette ricercate, innovative e con materie di prima qualità, dall’olio al resto degli ingredienti”.

Poi un altro “salto”: l’apertura di un punto fisso vendita e degustazione, in via Giorgio Giorgis a Fiumicino. Il truck resta, (“Per carità, guai a chi ce lo tocca”) ma viene utilizzato per le feste, i compleanni, le sagre… Insomma, per muoversi là dove c’è necessità di Supplì Bros.

“Dobbiamo dire grazie alla città che ci ha formato, Ladispoli, a quella che ci ha accolto, Fiumicino, e a tutte le altre (da Ostia a Cerveteri, passando per località ancora più lontane) dove c’è stata gente che ha scelto di venirci a trovare per gustare le nostre specialità. Siamo giovani, determinati sì ma pur sempre giovani, e dunque l’affetto dei nostri clienti, dei ragazzi e delle ragazze che arrivano a tarda sera, delle famiglie che vengono a prendere qualcosa per casa, è per noi il carburante migliore per proseguire in questa meravigliosa avventura.

Che, tanto per scendere… nel piatto, è fatta di Parmigiana di melanzane pastellata e fritta; Pizza fritta con mortadella, pesto di pistacchi e burrata; ‘Nduja ripiena con fiordilatte, pomodoro e basilico; Pizza fritta con crema di zucca  formaggio alle erbe e speck croccante; Supplì Bucatini alla carbonara; Pizza fritta con prosciutto crudo, burrata al tartufo, pomodori secchi e rughetta; Suppli Gamberi pachino e limone. Oltre ovviamente a tutte le pizze fritte e  i supplì tradizionali.

Poi qualche tocco di follia, come il  Suppli dolce al Pan di stelle, tanto per gradire… E tanto altro ancora.

“Questo è il nostro mondo – concludono Alessandro e Michele – e speriamo di condividerlo sempre di più con tutti coloro che avranno la bontà di venirci a trovare. Da parte nostra, la bontà… cerchiamo di metterla nei prodotti”.

Supplì Bros ti aspetta a Fiumicino, via Giorgio Giorgis 50b – Fiumicino

Per visualizzare il menù basta cliccare su https://wa.me/c/393668227327

Il telefono? 3668227327

Aperti tutti  i giorni dalle 18 alle 24, tranne i martedì.

Pubblicato lunedì, 14 Novembre 2022 @ 12:47:36     © RIPRODUZIONE RISERVATA