Le domande del Comitato Inquilini di  Via XVI Settembre al commissario Ater • Terzo Binario News

“Circa due mesi fa in pompa magna, senza vergogna e senza chiedere scusa alle famiglie che da Aprile 2019 sono state buttate fuori, l’Ater ha consegnato l’area per i lavori di Via XVI Settembre 23.

Inizio lavori si era detto settembre, poi ottobre infine prima decade di novembre 2023.

Fine lavori , se tutto va bene , primavera 2026 …..insomma sono stati così bravi che, sempre se tutto va bene , nel 2026 dopo “soli” 7 anni le famiglie di Via XVI Settembre 23 rientreranno nelle loro abitazioni.

Uno scandalo considerato che i giornali sono pieni di dichiarazioni di inizio lavori…….ottobre 2019, poi 2020 2021 ,2022………uno scandalo se consideriamo che avevano dichiarato di avere fondi propri , poi ci hanno ripensato e volevano usufruire del 110% , ancora un ripensamento e i lavori sembra si faranno con il PNRR.

Ma NOVEMBRE è TERMINATO e dopo ormai circa 5 anni e l’ennesimo annuncio i lavori ancora non iniziano, incredibile e nessuno dice niente. Sindaco, consiglieri comunali e regionali, parlamentari del territorio dove siete?

ATER dia delle risposte precise e puntuali alle seguenti domande :

• Perché gli inquilini del civico Ater n.19 trasferiti da poche settimane sono stati sistemati a spese di Ater in zone centrali con i propri mobili in appartamenti medio grandi di loro gradimento mentre gli assegnatari del n.23 che invece sono fuori casa da 4 anni e mezzo dopo vari traslochi, peripezie e denunce si sono tutti dovuti arrangiare in alloggi minuscoli e periferici senza i propri mobili ed i propri effetti personali?
• Come mai due ultraottantacinquenni sono ancora confinate senza i propri mobili in un residence periferico da oltre 4 anni ?
• Perché i mobili e gli effetti personali degli assegnatari di Via XVI Settembre 23 sono ancora a Pomezia? Quando verranno portati a Civitavecchia?
• Gli elettrodomestici ( lavatrici,frigoriferi, lavastoviglie ) sicuramente non sono più funzionanti e i mobili e i ricordi più cari molto probabilmente saranno rovinati o distrutti : per evitare estenuanti e costose cause civili si impegna l’ATER a portare tutto entro 30 giorni a Civitavecchia al fine di verificare i danni riportati e risarcire immediatamente le famiglie ? Ma veramente qualcuno all’Ater pensa che nel 2026 , dopo 7 anni di permanenza nei magazzini di Pomezia i mobili e tutti i ricordi di una vita siano intatti? Chi paga?
I vertici ATER sono di nomina politica e la politica è stata proprio la grande assente di questa vicenda dolorosa: perdere così all’improvviso la propria casa dopo 30/40 anni, perdere le proprie cose, essere deportati fuori città dopo aver abitato per decenni in centro, perdere tutti i punti di riferimento ( i vicini di casa, la parrocchia, il negozio fidato…..) è un vero e proprio dramma ma in questi oltre 4 anni e mezzo nessuno della classe politica civitavecchiese ha avuto il coraggio di prendere di petto la questione e affrontare a muso duro i vertici ATER
Confidiamo nel Commissario Fasoli a cui chiediamo :
Commissario Fasoli si impegna da subito a dare garanzie certe per risarcire nel caso le famiglie danneggiate di Via XVI Settembre 23 ?
Commissario Fasoli si impegna a chiamare una per una le famiglie di Via XVI Settembre 23 per cercare di sistemare la situazione abitativa ed aiutarle a risolvere i mille problemi che da circa 5 anni queste famiglie affrontano quotidianamente ?”

Comitato inquilini di  Via XVI Settembre

Pubblicato domenica, 3 Dicembre 2023 @ 21:11:08     © RIPRODUZIONE RISERVATA