Eventi e mostre a Roma nel weekend - Terzo Binario News

Nel weekend Roma festeggia il Carnevale in città con circa 100 appuntamenti. La festa, diffusa su tutto il territorio, partirà dai luoghi istituzionali del centro storico per arrivare in tutta la città con un programma di circa 100 appuntamenti rivolto a bambini, famiglie, adulti con sfilate, spettacoli di teatro e musica, proiezioni cinematografiche, visite guidate e laboratori. Per il programma completo visitare il sito www.comune.roma.it.

Nell’ambito del progetto Musei da toccare, venerdì 21 febbraio alle 10.30 al Museo di Casal de’ Pazzi è in programma la visita guidata tattile-sensoriale, gratuita e con operatori specializzati, dal titolo Pleistocene da toccare, che darà la possibilità di maneggiare alcuni resti faunistici fossili e scoprire il giacimento attraverso un plastico ricostruttivo.

Sabato 22 febbraio alle 16 alla Galleria d’Arte Moderna si terrà la visita guidata alla mostra La Rivoluzione della Visione. Verso il Bauhaus. Moholy-Nagy e i suoi Contemporanei, un’occasione per conoscere meglio la poliedrica personalità dell’artista ungherese del Bauhaus, l’officina creativa dello sperimentalismo d’avanguardia. L’ingresso alla mostra è gratuito con la MIC Card.

Due le visite guidate in programma domenica 23 febbraio. Alle 11, alla Casina delle Civette, Musei di Villa Torlonia, l’artista Maria Paola Ranfi accompagnerà i visitatori alla scoperta della mostra Maria Paola Ranfi. Gioiello Intimo colloquio, una selezione di oltre 60 esemplari tra gioielli e sculture realizzati a cera persa in oro, bronzo, argento e con pietre preziose dai tagli rari e particolarissimi. L’ingresso è gratuito con la MIC Card. Alle 19, al Museo di Roma, con la visita guidata alla mostra Canova. Eterna bellezza sarà possibile ampliare la conoscenza del maestro veneto e scoprire le vicende di costruzione della sede espositiva, Palazzo Braschi. L’ingresso all’esposizione è ridotto per i possessori della MIC Card.

Il Museo Civico di Zoologia festeggia il Carnevale con tre appuntamenti a partire da Maschere in gioco sabato 22 febbraio alle 15.30, 16.30 e 17.30. Alle 20 Funny – night…Speciale carnevale scientifico, un’imperdibile avventura a suon di sfide, travestimenti ed enigmi zoologici. Domenica 23 dalle 15 alle 18 il Museo invita grandi e piccoli scienziati, in maschera e non, all’evento Un Carnevale da scienziati, per scoprire le colorazioni e le diverse strutture che gli animali utilizzano per distinguersi gli uni dagli altri.

Nel weekend la Casina delle Civette di Villa Torlonia ospiterà tre conferenze per il ciclo Il giardino delle Muse danzanti: il 21 febbraio alle 16.30 sarà presentato il libro La Pavana della memoria. Storie, racconti, ricordi di una vita a passo di danza,di Alberto Testa e Mauro Di Rosa; sabato 22, sempre alle 16.30, sarà la volta di La danza come patrimonio culturale UNESCO; domenica 23 alle 16.30 il ciclo si chiuderà con Osservare, percepire, conoscere, agire: pratiche di trasmissione coreografica. Gli appuntamenti sono gratuiti con la MIC.

Sabato 22 febbraio al Planetario presso il Museo Civico di Zoologia Gabriele Catanzaro porterà in scena due spettacoli per bambini: Vita da stella con il dottor Stellarium (12.00) e Il Dottor Stellarium alla scoperta del Sole (ore 16.30). Gratis con la MIC Card.

Domenica 23 alle 15 il Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese ospiterà il concerto per finissage nell’ambito della mostra Ponte di conversazione con Paolo Aita.

Non mancano gli appuntamenti di Archeologia in Comune, il progetto nato per valorizzare i beni culturali della Sovrintendenza Capitolina e per garantirne l’accessibilità a turisti e residenti. Il 22 febbraio alle 10 passeggiata ai Fori Imperiali, dal Foro di Traiano al Foro di Cesare; alle 11 visita guidata, con ingresso gratuito per i possessori di MIC Card, al Mitreo del Circo Massimo. Domenica 23 alle 11, infine, si potrà visitare l’Ipogeo di via Livenza – ingresso gratuito con la MIC Card.

Per gli appassionati di archeologia e non solo, con il ticket FORUM PASS SUPER, realizzato grazie all’intesa tra Roma Capitale e MiBACT, si potrà accedere al percorso unificato dell’area archeologica Foro Romano-Palatino e Fori Imperiali e visitare anche i siti SUPER: dieci luoghi speciali per entrare nel vivo dell’arte e della civiltà romana con tecnologie immersive e narrazioni virtuali. Sono cinque gli ingressi: largo Corrado Ricci, via Sacra in prossimità dell’arco di Tito, via di San Gregorio, via del Tulliano di fronte al carcere Mamertino e piazza della Madonna di Loreto, vicino alla Colonna Traiana. L’orario di apertura al pubblico è 8.30-16.30 (ultimo ingresso alle 15.30). Per informazioni: www.sovraintendenzaroma.it.

Con il progetto in realtà aumentata e virtuale Circo Maximo Experience il pubblico può ammirare il Circo Massimo, il più grande edificio per lo spettacolo dell’antichità e uno dei più grandi di tutti i tempi, in tutte le sue fasi storiche: dalla semplice e prima costruzione in legno ai fasti dell’Età imperiale, dal Medioevo fino alla seconda guerra mondiale. È sufficiente indossare gli appositi visori e seguire le varie tappe del percorso itinerante. Si tratta di un progetto all’avanguardia che utilizza tecnologie interattive di visualizzazione mai realizzate prima in un’area all’aperto di così ampie dimensioni. L’applicazione, già disponibile in inglese, francese, tedesco, spagnolo e russo, ora è anche in cinese, giapponese e sottotitolata per i non udenti. L’esperienza è fruibile dal martedì alla domenica, dalle 9.30 alle 16.30, con ingresso da viale Aventino, e dura circa 40 minuti. Ultimo ingresso ore 15.30. Biglietto ridotto per i possessori di MIC card. Per informazioni www.circomaximoexperience.it.  

Oltre al grande patrimonio di collezioni permanenti, nei Musei Civici della Capitale sono sempre numerose, varie e interessanti le mostre da visitaredurante il weekend, gratuite o con riduzione per i possessori della MIC card, da gennaio 2020 estesa anche ai cittadini dell’area metropolitana. Al Museo di Roma a Palazzo Braschi è in corso Canova. Eterna bellezza, esposizione incentrata sul legame tra Antonio Canova e la città di Roma con oltre 170 opere e prestigiosi prestiti da importanti Musei e collezioni italiane e straniere. Per i possessori MIC card è previsto l’ingresso con biglietto ridotto.  

AlMuseo dell’Ara Pacis, conla grande mostra C’era una volta Sergio Leone Roma celebra, a 30 anni dalla morte e a 90 dalla sua nascita, uno dei miti assoluti del cinema italiano. Ingresso ridotto alla mostra con la MIC Card.  

Dal progetto “From La Biennale di Venezia & OPEN to Rome. International Perspectives” arriva nelle sedi di Centrale Montemartini e Galleria d’Arte Moderna la mostra Miresi. Sguardi e Architetture. Berlino/Roma/Barcellona, una serie di opere dedicate agli “sguardi” e alle “architetture” delle tre capitali in parallelo con gli spazi museali e le collezioni capitoline. Prosegue fino a giugno Colori degli Etruschi. Tesori di terracotta alla Centrale Montemartini, la straordinaria selezione di lastre parietali figurate e decorazioni architettoniche a stampo in terracotta policroma, provenienti dal territorio di Cerveteri (l’antica città di Caere), in parte inedite. Sono esposti reperti archeologici di fondamentale importanza per la storia della pittura etrusca, recentemente rientrati in Italia grazie a un’operazione di contrasto del traffico illegale.

Alla Galleria d’Arte Moderna di via Francesco Crispi la mostra La rivoluzione della visione. Verso il Bauhaus. Moholy-Nagy e i suoi contemporanei ungheresi, dedicata all’arte di László Moholy-Nagy, artista d’origine ungherese e figura chiave del movimento Bauhaus nel mondo, in occasione delle celebrazioni per i 125 anni dalla sua nascita (1895-2020). Nell’ambito della mostra, nell’area del chiostro/giardino, è presente un’installazione di Sàndor Vàly, in una prospettiva di ricostruzione ambientale contemporanea delle teorie sulla luce dello stesso fondatore del Bauhaus.

Sempre alla Galleria, si svolge in contemporanea Spazi d’arte a Roma. Documenti dal centro ricerca e documentazione arti visive (1940-1990), un progetto espositivo e di workshop in correlazione con i 40 anni del Centro Ricerca e Documentazione Arti Visive (1979-2019).

Al Museo di Roma in Trastevere è in corso la mostra Ara Güler, dedicata al fotografo turco, lucido osservatore della storia e della società del proprio Paese d’origine. Reclutato da Henri Cartier-Bresson per l’agenzia Magnum, Ara Güler fu il primo corrispondente dal Medio Oriente per il quotidiano Times. È possibile visitare anche la mostra curata daJill Silverman von Coenegrachts Frammenti. Fotografie di Stefano Cigada, un lavoro che indaga il patrimonio statuario di alcuni grandi Musei attraverso il medium fotografico. Prorogata fino al 1° marzo Taccuini romani. Vedute di Diego Angeli – Visioni di Simona Filippini, che espone l’intera serie dei dipinti di Diego Angeli in un confronto fuori da schemi cronologici e linguistici con le immagini scattate con la polaroid da Simona Filippini, nel corso di più di un decennio, tra Roma e le sue periferie.

Ai Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali ultimi giorni per l’esposizione Giancarlo Sciannella – Scultore di archetipi, articolata lungo la via Biberatica; prosegue, invece, Civis Civitas Civilitas che illustra, attraverso plastici degli edifici sacri e pubblici, il modello di vita urbano romano, esportato militarmente anche nelle città dell’impero.

Da visitare nei Musei di Villa TorloniaCarlo Levi e l’arte della politica, al Casino dei Principi, una mostra a cura del Centro Carlo Levi di Matera e della Fondazione Carlo Levi che, attraverso l’esposizione di 58 disegni politici e 46 opere pittoriche, spazia nella poliedrica personalità di Levi, dalla letteratura alla poesia, dalla pittura al disegno. Alla Casina delle Civette, nel Giardino delle meraviglie. Opere dell’artista Garth Speight, lo spirito del Giardino della Casina si materializza in 50 dipinti in acrilico nei quali campeggia la Natura tra uccelli acquatici, ninfee, iris bianchi e blu, fiori di campo, boschi di betulle e crisantemi. Inoltre, l’antologica Gioiello intimo colloquio dell’artista Maria Paola Ranfi, orafa e scultrice, mostra una selezione di oltre 60 esemplari tra gioielli e sculture realizzati a cera persa in oro, bronzo, argento e con pietre preziose dai tagli rari e particolarissimi.

Al Museo Carlo Bilotti  Aranciera di Villa Borghese è visibile Ponte di conversazione con Paolo Aita, una collettiva di 54 opere create da artisti vari in omaggio al poeta, scrittore e critico d’arte e musicale calabrese.

Aspettando l’Imperatore, al Museo Napoleonico, ricostruisce il volto utopico della Roma napoleonica, rimasto in gran parte al solo livello progettuale, mentre al Museo delle Mura Ra-Ta-Ta-Ta, Bang-Bang, Si Gioca! espone una suggestiva selezione di 137 giocattoli antichi appartenente dalla Collezione capitolina.

Infine, è possibile ammirare al Museo Civico di Zoologia la bellezza del cielo e della città eterna nella mostra fotografica Carpe Sidera. La meraviglia del cielo sulla bellezza di Roma, 30 immagini che immortalano l’incontro di alcuni dei fenomeni più spettacolari del firmamento notturno con monumenti e simboli della Capitale.

Possono acquistare la MIC card tutti i maggiorenni che siano residenti o studenti in atenei pubblici e privati o domiciliati temporanei a Roma e nella città metropolitana di Roma. La card, al costo di 5 euro, dà diritto per 12 mesi all’ingresso illimitato in tutti i siti del sistema Musei in Comune. I possessori della MIC hanno diritto alla riduzione per le grandi mostre che si svolgono nel corso dell’anno al Museo dell’Ara Pacis e al Museo di Roma a Palazzo Braschi. Attualmente per le mostre Canova. Eterna bellezza al Museo di Romae C’era una volta Sergio Leone al Museo dell’Ara Pacis. Sono previste riduzioni con la MIC anche per lo spettacolo immersivo “Circo Maximo Experience”. Per i possessori della MIC card è libero l’accesso ai siti archeologici e storico-artistici della Sovrintendenza Capitolina. Sono inoltre incluse le visite e le attività didattiche effettuate dai funzionari della Sovrintendenza Capitolina che rientrano nel biglietto d’ingresso al museo. Per informazioni www.museiincomuneroma.it.

Alla Casa del Cinema è in corso la rassegna Italia Doc,a cura di Maurizio di Rienzo, che prevede la proiezione di recenti documentari di rilievo, già apprezzati in importanti Festival e presentati e dibattuti dai loro autori e produttori. Domenica 23 alle 17 sarà proiettato La passione di Anna Magnani di Enrico Cerasuolo. Quattro gli appuntamenti con la rassegna Mondo Leone. Un viaggio nell’immaginario di Sergio Leone con un omaggio a Roberto Roberti e a Leone Film Group dedicata al maestro del western all’italiana. Sabato 22 alle 17 Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo! di Don Siegel e alle ore 18 Gli spietati di Clint Eastwood. Alle ore 16 di domenica 23 sarà proiettato La conquista del West di John Ford mentre alle 19 Il mio nome è nessuno di Tonino Valeri.

Al Teatro dell’Opera venerdì 21 febbraio alle 20 e domenica 23 alle 16.30 l’Evgenij OnegindiČajkovskijdiretto da James Conlon. Un’“opera di formazione”, tratta dal romanzo in versi di Puškin, che vede la giovanissima protagonista “innamorarsi dell’idea dell’amore” e invaghirsi della persona sbagliata, per raggiungere solo in seguito la maturità sentimentale. La regia del capolavoro di Čajkovskij è di Robert Carsen, scene e costumi di Michael Levine, luci di Jean Kalman, movimenti coreografici di Serge Bennathan. Arturo Espinosa(Un capitano), nuovo talento dall’edizione di “Fabbrica” attualmente in corso, è al suo debutto al Costanzi. Maestro del Coro Roberto Gabbiani.

Al Teatro Argentina il regista e attore piemontese cinque volte premio Ubu, Valerio Binasco,si confronta con un grande titolo del repertorio rileggendo Arlecchino servitore di due padroni con uno spettacolo di forte impatto cinematografico. La fattura giocosa, sospesa, intatta nella sua grazia, della penna goldoniana ben si presta a vestirsi dei meccanismi comici di una borghesia dinamica e virtuosa che celebra l’intraprendenza femminile e l’amore romantico, e al contempo si confronta con i temi della povertà – latente nella leggendaria fame di Arlecchino – e del dolore.

Al Teatro India, da venerdì 21 a domenica 23, Bartolini/Baronio in scena con Dove tutto é stato preso, un affaccio nel loro mondo di narrazioni epiche che si muovono sempre dentro dispositivi scenici diversi. Ed ancora, Carnevale al Teatro India tra gioco, ironia e irriverenza con Mutanti. La Festa di Carnevalea cura di teatrodelleapparizioni. Corpi, abiti e trasformazioni animeranno la grande giornata di festa, domenica 23 febbraio, una magica occasione per stare nel cambiamento, per essere diverse e diversi dal solito, per diventare altro, ognuno come desidera, e tutti insieme.

Fondazione Cinema per Roma|CityFest organizza la rassegna Cinema al MAXXI, in collaborazione con il MAXXI e Alice nella città ed ospiterà tre appuntamenti nel weekend. Sabato 22 febbraio alle 18 a spazio Extra Incontri, uno degli appuntamenti del programma, in occasione dell’uscita del suo nuovo film, Gli anni più belli, Gabriele Muccino sarà protagonista di una conversazione con il pubblico a cura di Mario Sesti, regista e sceneggiatore romano uno dei pochi, oggi in Italia, capace di usare la commedia per svelare, senza filtri, sogni, bisogni e rimpianti attraverso le generazioni. Alle 21 sarà proiettato, in anteprima e a ingresso gratuito, il thriller psicologico Doppio sospetto (Duelles) di Olivier Masset-Depasse, racconta il confronto tra due donne, due madri, due migliori amiche profondamente diverse. Domenica 23 febbraio, Cinema al MAXXI ospiterà Quando eravamo fratelli di Jeremiah Zagar, film che rientra nel programma di Alice Family. La pellicola, rivelazione del Sundance Film Festival 2018, riadatta il sorprendente romanzo d’esordio di Justin Torres attraverso l’utilizzo di un racconto cinematografico maturo, dedicato al pubblico young adult e in grado di costruire il ritratto di un’infanzia che rivendica il suo diritto a essere tale. 

Palazzo delle Esposizioni fino al 13 aprile Gabriele Basilico. Metropoli la mostra incentrata sul tema della città con oltre 250 opere in diversi formati datate dagli anni Settanta ai Duemila, alcune delle quali esposte per la prima volta. Fino al 2 giugno si tiene la mostra Jim Dine uno dei maggiori protagonisti dell’arte americana, il cui lavoro, radicale e innovativo, ha avuto un grande impatto sulla cultura visiva contemporanea, in particolare su quella italiana degli anni Sessanta. Nell’ampia mostra antologica, realizzata in stretta collaborazione con l’artista e curata da Daniela Lancioni, sono esposte oltre 80 opere, datate dal 1959 al 2016, provenienti da collezioni pubbliche e private, europee e americane.  Sabato 22 febbraio alle 11.00 Lo Scaffale in Maschera, letture e laboratorio per bambini e bambine dai 5 anni che si concluderà con un laboratorio liberamente ispirato al libro “Guardiamoci negli occhi” di Bruno Munari. In occasione del carnevale bambine e bambini incontreranno maschere e personaggi di paesi vicini e lontani e costruiranno volti nuovi, per abituarsi “a guardare il mondo con gli occhi degli altri”. Attività gratuita fino a esaurimento posti con prenotazione obbligatoria a laboratoriodarte@palaexpo.it Forum – Piano zero via Milano 13. Ancora sabato 22, alle 21.00 in Sala Cinema, proiezione di MINNIE E MOSKOWITZ di John Cassavetes, con Gena Rowlands, Seymour Cassel, John Cassavetes, Usa, 1971, 114’, v.o. sott. it., ad ingresso libero fino a esaurimento posti. Al Mattatoio di Testaccio
domenica 23 febbraio alle 18.00 On transplanted performers and remote controlled audiences,  lecture-performance di Stefan Kaegi – Rimini Protokoll. Cambiamento climatico e le politiche dell’Europa, Stefan Kaegi mostrerà e commenterà alcuni brevi estratti video dalle recenti produzioni della compagnia Rimini Protokoll, introducendo al pubblico e agli studenti del Master PACS la propria pratica artistica, ragionando intorno ai meccanismi del teatro documentario e della rappresentazione mediata da device e tecnologie. Stefan Kaegi insieme a Rimini Protokoll, co-realizza opere di teatro documentario e installazioni. Ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

All’Auditorium Parco della Musica grande musica venerdì 21 febbraio con Bernard “Buddy” Rich, re indiscusso della batteria e Flora Purim, cantante brasiliana di Rio de Janeiro con all’attivo collaborazioni con Miles Davis, Chick Corea, Hermeto Pascoal. Sabato 22 Enzo Gragnaniello sarà protagonista di una serata dedicata ai suoi grandi successi inseriti in un’opera multidisciplinare ideata dal regista e coreografo italo-africano Mvula Sungani, che vedrà insieme sulla scena l’étoile Emanuela Bianchini,con la forza della sua physical dance. Ancora sabato il Quinteto Astor Piazzolla tornerà in Sala  Petrassi per suonare gli arrangiamenti autografi del grande compositore di tango argentino e per riportare alla luce inediti. Domenica 23 sarà la volta di Tini, la popstar internazionale che arriva in Auditorium con il suo Quiero Volver tour, il tour europeo nato sull’onda del grande successo dei suoi singoli 22, Sad SongOye e la smash hit Fresa.

Per il ciclo delle Lezioni, questa settimana doppio appuntamento domenica 23: lezioni di Storia con Carlotta Sorba – Il Teatro alla Scala e lezioni di Rock con Help!.

Per gli appuntamenti teatrali, proseguono con grande successo le repliche di Giorni Felici, il testo di Samuel Beckett portato in scena da Nicoletta Braschi fino al 23 febbraio. Ed ancora, in occasione del Carnevale domenica 23 Ambrogio Sparagna e l’Orchestra Popolare Italiana saranno protagonisti di una parata musicale mascherata presso gli spazi esterni dell’Auditorium, a ingresso libero. Alla casa del Jazz per il ciclo Giovani Leoni il talentuoso pianista calabrese Francesco Scaramuzzino presenterà in trio il suo nuovo progetto The Flowing. Sabato 22 il primo appuntamento della XIII edizione del Festival Percorsi Jazz, masterclass a cura del Conservatorio di Santa Cecilia con Roberto Ottaviano, sassofonista e compositore.

Pubblicato giovedì, 20 Febbraio 2020 @ 17:03:48     © RIPRODUZIONE RISERVATA