Anpi Bracciano sulla ricorrenza per Udino Bombieri: "Ricorrenza dimenticata" - Terzo Binario News

Care amiche e cari amici, è con vivo rammarico e sdegno che ci vediamo costretti a comunicarvi che quest’anno, per motivi indipendenti dalla nostra volontà, non avrà luogo la consueta cerimonia di commemorazione dei combattimenti del 9 settembre 1943, in cui caddero il sergente maggiore Udino Bombieri, il caporale Antonio Merlo e gli artiglieri Elia Candido ed Enrico Latini nel contesto della battaglia per la difesa di Roma.

Sin dallo scorso agosto avevamo tentato in ogni modo di metterci in contatto con l’amministrazione per meglio definire gli aspetti tecnici che una cerimonia di questo genere richiede, oltre che per garantire la presenza di un rappresentante del comune.

Nonostante una lettera, messaggi e telefonate al sindaco e all’assessore alle politiche culturali, non abbiamo ricevuto risposta alcuna sino a tre giorni fa: solo allora ci è stato comunicato che il comune avrebbe concesso il patrocinio all’iniziativa, senza però poter garantire la partecipazione di alcun rappresentante dell’amministrazione, a causa – a detta dell’assessore – degli incombenti impegni in vista delle prossime elezioni amministrative.

Preso atto del fatto che nessun rappresentante dell’attuale amministrazione si sarebbe degnato di dedicare mezz’ora del proprio tempo al ricordo di quattro giovanissimi caduti della Resistenza, abbiamo ritenuto opportuno, visto lo strettissimo margine di tempo concessoci, rinunciare all’organizzazione di una cerimonia che non potesse rendere ai quattro soldati la dignità che il ricordo e la memoria del loro gesto meriterebbe.

Ci chiediamo inoltre se a fondamento della decisione di non intervenire non si celi piuttosto un certo disagio nel trattare di antifascismo e di Resistenza, parole da troppi anni relegate ai margini del dibattito storico e politico nazionale e locale, spesso per ragioni di mero opportunismo politico, considerate divisive e inopportune, residuo di un passato glorioso che i revisionismi e i nuovi fascismi ambiscono ad eliminare.
Se ai valori, alla storia e alla memoria della Resistenza non si aderisce convintamente, qualsiasi cerimonia o commemorazione risulterà inevitabilmente falsa, vuota, retorica.

ANPI Bracciano “Antonio Quintiliani”

Pubblicato domenica, 12 Settembre 2021 @ 12:27:54     © RIPRODUZIONE RISERVATA