Mare Nostrum, una app per conoscere la balneabilità del litorale a nord di Roma • Terzo Binario News

L’applicazione dell’Osservatorio Ambientale geolocalizza l’utente e segnala la situazione

Per difendere l’ambiente, controllare la qualità dell’aria non basta.

Di qua l’Osservatorio ambientale e il Consorzio dei sei comuni che lo gestisce (Civitavecchia,Tarquinia, Santa Marinella, Tolfa, Allumiere e Monte Romano), presieduto da Pietro Tidei ha iniziato ad ampliare il proprio raggio d’azione.

“Alle migliaia di bagnanti che affollano il nostro  mare, offriamo questo strumento per sapere in tempo reale   se e dove è consentito fare il bagno” afferma Tidei

“A te – gli fa eco Ivano Iacomelli presidente del CdA – chiediamo di aiutarci a difenderlo, segnalandoci sull’app anomalie o sospetti di inquinamento, fotografandoli qui”.

L’applicazione è in grado di geolocalizzare l’utente e di indicargli oltre alla sua posizione anche se il mare è balneabile o meno.

A deciderlo è ovviamente il Presidente della Regione in base ai dati dell’Arpa in un decreto che ogni anno viene emanato a giugno,  ma anche i Sindaci che  sempre sulla base dei rilievi Arpa emanano ordinanze di divieto (alghe tossiche, colibatteri etc).

Tutti questi divieti sono mappati in tempo reale sull’app dell’osservatorio sia quando vengono emanati sia quando vengono revocati.

L’app viene resa visibile in ogni stabilimento da un manifesto: un tuffo dove il mare è più blu e sembra di sentire Lucio Battisti riportato in tempi dove il clima è diventato un emergenza e l’acqua un liquido prezioso. 

Per fare conoscere l’iniziativa, da oggi un team di hostess il compito di spiegare a quanti più bagnanti possibili sulle spiagge di Tarquinia, Civitavecchia e Santa Marinella come accedere o scaricare l’app il cui funzionamento è particolarmente immediato. 

‘ Contiamo su iniziative come questa- concludono Pietro Tidei e Ivano Iacomelli – per fare crescere una identità ed un sentire condiviso  nelle nostre comunità sui temi dell’Ambiente e della Sostenibilità ed anche il fatto che la prima iniziativa dell’osservatorio, dopo il lungo letargo forzato degli anni scorsi, parli di mare, dà il segno di come oggi l’Osservatorio dell’aria’.

Pubblicato sabato, 6 Agosto 2022 @ 13:50:32     © RIPRODUZIONE RISERVATA