Ladispoli: il consigliere De Simone scivola sulle leggi razziali - Terzo Binario News

di Claudio Bellumori

“Un bel tacer non fu mai scritto” . Soprattutto dopo alcuni commenti apparsi sui social sul tema del Manifesto della Razza. Già, perché ieri – 14 luglio – ricorrevano gli 82 anni dalla pubblicazione che anticipò, di fatto, la promulgazione delle legislazione razziale fascista.

Ora, succede che ai giorni nostri – anno 2020 – il consigliere comunale di Ladispoli, Emiliano De Simone, a margine della foto tratta dal film di Roberto Benigni, La vita è bella, dove si legge ‘Vietato l’ingresso agli ebrei e ai cani’, abbia esordito con un “che c’entrano i cani, poverini”.

Qualcuno critica l’uscita che ricorda quella di Walter Zenga ai mondiali di Italia 90 contro l’Argentina, ma De Simone tiene il punto, “era un commento a favore dei cani…vedete sempre il bicchiere mezzo vuoto” corredato con tanto di emoticon.

Perché c’è chi ci mette la faccia. E chi la faccina.

Pubblicato mercoledì, 15 Luglio 2020 @ 12:06:05     © RIPRODUZIONE RISERVATA