Carcere di Civitavecchia, allarme della Cgil Fp: "L'alta sicurezza lavoro ulteriore per gli agenti" - Terzo Binario News

La Fp Cgil torna a visitare gli istituti penitenziari di Civitavecchia, denunciando tutte le criticità e le problematiche per cui si rende necessario un intervento urgente, già sollecitato alle autorità competenti. 

“L’apertura presso la C.C.N.C. di Civitavecchia di una nuova sezione, per disposizione del DAP, ha aggravato notevolmente i carichi di lavoro del personale dell’istituto, già eccessivi.

La stessa dirigenza ha condiviso le nostre preoccupazioni. Come avevamo già segnalato, aprire una sezione senza l’assegnazione di ulteriori risorse, sarebbe ricaduto sulle spalle del già poco personale in servizio”, specifica a la Fp Cgil di Roma Nord Civitavecchia Viterbo. 

“la prossima apertura della nuova sezione di osservazione psichiatrica maschile preoccupa la Cgil e il personale, nonché la stessa Direzione. Le risorse umane disponibili non sono sufficienti a fronteggiare la gestione di un mini reparto, ed è in conseguenza aumentato anche il numero di colloqui e videochiamate da gestire. Come in molti altri istituti, a fronte delle 282 previste unità di organico, si contano in servizio 244 agenti, di cui 34 impegnati nel locale nucleo cittadino ed altri impegnati in attività di formazione”, prosegue il sindacato. 

“Tra 4 mesi sei agenti andranno in pensione. Si registrano carenze anche nelle figure dei sottufficiali, essenziali per la gestione di servizi specifici. L’assegnazione di un’unità trasferita dalla casa di reclusione alla casa circondariale  non è stata sufficiente: il personale viene trattenuto oltre l’ordinario turno di servizio e per effettuare i cambi si ricorre spesso al personale accasermato.
Anche il personale delle cariche fisse fornisce quotidianamente il proprio supporto al interno delle sezioni o comunque nei vari servizi, aggiungendo altri compiti ai propri. Svolgere più compiti significa maggiori responsabilità e maggiore stress per gli agenti in servizio”, continua la Cgil. 

“Abbiamo rinnovato la richiesta di intervento urgente alle amministrazioni di competenza, per l’invio urgente di un contingente di Polizia Penitenziaria alla struttura, che preveda anche i ruoli di sottufficiali, o per scorrimento di graduatorie o tramite interpello straordinario. Per la casa di reclusione . si chiede un incremento di personale e un intervento di ripristino della struttura, di cui una parte di collegamento interno è crollata, causando un disagio agli spostamenti dei detenuti e aggravando ulteriormente il carico di lavoro del personale , al fine di una gestione adeguata e sicura dell’intera struttura e della nuova sezione”, conclude la Fp Cgil Cinovi.

Pubblicato martedì, 15 Settembre 2020 @ 19:57:28     © RIPRODUZIONE RISERVATA