Vaccini, tagliata una fornitura al Lazio: 9mila dosi in meno, D'Amato furioso - Terzo Binario News

Sul personale scolastico residente fuori dalla Regione: “Priorità a chi risiede”

“Ci è stata comunicata una riduzione di 9 mila dosi del vaccino Astrazeneca per le prossime consegne e questa è una brutta notizia.

Mi domando come si possano conciliare le presunte offerte di mediatori proposte ad alcune regioni su mercati paralleli per il vaccino Astrazeneca con l’acclarata riduzione?”

Lo dichiara l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Sul personale scolastico extra regione: “Il Lazio è pronto anche a vaccinare il personale scolastico che lavora nella regione, ma residente in altre regioni ad un’unica condizione: ci devono dare le dosi necessarie, poiché oggi la ripartizione dei vaccini è fatta esclusivamente per il numero dei residenti nella regione.

Ovvero se tutti facessero i loro residenti, indipendentemente dal loro luogo di lavoro, il problema non sussisterebbe. Noi siamo pronti, ma abbiamo bisogno delle dosi poiché non possiamo minimamente danneggiare il personale residente nella nostra regione. Il Lazio da inizio pandemia si è sempre caratterizzato per la massima solidarietà, anche ieri abbiamo preso in carico con l’elisoccorso un paziente Covid dal Molise per condurlo in una nostra terapia intensiva Covid. Quello che non ci si può chiedere è di danneggiare i nostri cittadini”.

Pubblicato sabato, 20 Febbraio 2021 @ 17:21:34     © RIPRODUZIONE RISERVATA