Treno acceso di notte, un cittadino di Ladispoli: "Ci si rimette in salute" • Terzo Binario News

Il commento di Alberto Mengaroni: “A questo si aggiunge l’irritazione di sottostare al capriccio del macchinista di turno”

“Volevo dire che anch’io abito in via delle Azalee e il rumore di notte è veramente intollerabile. Qui ci stiamo rimettendo pure la salute a forza di passare le notti in bianco.

A questo si aggiunge l’irritazione di sottostare al capriccio del macchinista di turno che a volte spegne il treno e a volte lo lascia accesso, in più in un momento come questo dove si dovrebbe limitare il consumo di risorse energetiche a causa del conflitto in Ucraina, Trenitalia permette di mantenere acceso un treno tutta la notte.

Ma quanto consuma? Chi paga? Non vale la giustificazione che in tal modo i pendolari trovano il treno pronto a partire il mattino: stiamo parlando di treni elettrici non di macchine a vapore, accedendo il treno mezz’ora prima della partenza si rispetterebbe il riposo degli abitanti e le esigenze dei pendolari, anche perché, ripeto, talvolta il treno la notte viene spento e la mattina riparte regolarmente. 

Questa situazione va risolta, e può essere risolta adoperando un minimo di buon senso e sensibilità verso il territorio: la notizia da voi pubblicata accende un faro su questo disagio e spero che sensibilizzi chi di dovere. 

Metto per conoscenza l’Ufficio Stampa della Regione Lazio e il Sindaco di Ladispoli (peraltro già interessato su questo tema in passato): avrei voluto inserire anche Trenitalia ma sul loro sito non ho trovato un indirizzo mail”.

Alberto Mengaroni

Ti trovi nel bel mezzo di un ingorgo? Sei stato testimone di un fatto di cronaca degno di nota? Aziona il tuo telefonino fotografa e scrivi due righe inviale alla redazione, specificando se vuoi essere citato nell’articolo e/o come autore delle foto. Puoi inviare il tutto a redazione@terzobinario.it

Pubblicato venerdì, 5 Agosto 2022 @ 07:00:00     © RIPRODUZIONE RISERVATA