Mamma Marina: "Marco sarebbe orgoglioso di me" - Terzo Binario News

Dopo l’inserimento nella classifica di Effe fra le cento donne del 2020

A casa Vannini però non sapevano nulla dell’inserimento di Marina nella classifica di Effe fra le cento donne del 2020. È stato Mauro Valentini, lo scrittore che insieme alla stessa Marina ha dato vita al libro “Mio figlio Marco” ad avvertirla.

«Eravamo a pranzo con Valerio – commenta Marina Conte – quando Mauro ha spedito il messaggio. Non sono facile alla commozione però devo dire che quanto scritto mi ha toccato molto, è stato bello ricevere questo tipo di considerazione. Se mi hanno chiamato? No, hanno fatto tutto loro».

Lei, una delle mamme d’Italia, si schermisce quando parla del riconoscimento: «Ho solo portato avanti la battaglia per la giustizia e il rispetto che sono dovuti a Marco. Con il tempo mi sono accorta che il dolore fa cadere in depressione molto facilmente, ma l’ho promesso a Marco che non mi sarei fermata e non mi fermò mai».

Però Marina si sofferma un attimo a riflettere sull’investitura: «Marco mi diceva sempre che ero una gran mamma ma soprattutto diceva di stimarmi come donna. Immagino che lui sarà orgoglioso della classifica di Effe, anche se avrei preferito non esserci. Sì, confesso che sono un po’ commossa perché qualcuno si è accorto della sofferenza e delle battaglie che stiamo combattendo.

Parlo con tante mamme che, loro malgrado, hanno vissuto traumi simili al mio e si abbattono, anzi mi chiedono da dove traggo la forza. A spingermi, a corazzarmi è il rispetto per Marco, il far sentire la sua voce zittita dai Ciontoli. Troppe cose dimostravano che quanto sostenevano loro non fosse vero e questi quasi sei anni di lotta dimostrano che si deve combattere perché la giustizia non arriva a casa, bisogna sgomitare per ottenerla», la conclusione di mamma Marina.

Pubblicato martedì, 5 Gennaio 2021 @ 04:43:00     © RIPRODUZIONE RISERVATA