Atletica, per la Tirreno Civitavecchia un 2022 carico di ambizioni - Terzo Binario News

Comincia la stagione 2022 dell’atletica e per la Tirreno Civitavecchia si prospetta un anno interessante, con un 2021 che ha arriso ai colori biancazzurri.

Al Moretti Della Marta gli atleti si stanno allenando in vista del primo impegno ufficiale di domenica ad Arce, in provincia di Frosinone, con la prima prova del cross regionale per società, giovanile e assoluto valido anche come selezione per gli Italiani di Trieste fissati per il 12 e13 marzo.

«Nel piccolo centro ciociaro – dice il presidente del sodalizio Claudio Ubaldi, che peraltro allena lui stesso diversi gruppi di corridori – ci sarà la festa del cross della Fidal laziale e i risultati ottenuti varranno per tutte le categorie dai 12-13 anni fino agli Assoluti e l’unica differenza, oltre alle gare maschili e femminili, riguarderà le distanze. A calcare il percorso sterrato ci saranno i nostri Allievi, Juniores, Promesse e Senior oltre al settore giovanile con Ragazzi e Cadetti».

E questo è il futuro prossimo, poi c’è il presente fatto di allenamenti al Casaletto Rosso e di un movimento – fra i pochi – a non essersi fermato. «Noi non abbiamo avuto interruzioni perché i protocolli consentono la pratica degli sport individuali all’aperto, distanziamento e mascherine da indossare negli spogliatoi e la sanificazione degli stessi sono gli unici obblighi. Inoltre la società si è organizzata, avendo nove tecnici abbiamo diviso i nostri circa 300 atleti (con 400 tesserati complessivi, ndc) su due turni di allenamenti. I giorni dispari spettano ai ragazzi ma si parla di gruppi composti da 10-12 persone al massimo».

Questo però non significa che il Covid abbia graziato la Tirrena, anzi. L’età giovane dei corridori li ha bloccati spesso in quarantena per le regole stabilite in ambito scolastico: «Talvolta il numero di praticanti è stato limitato dall’isolamento familiare – riprende Ubaldi – con alcuni ragazzi che poverini si sono fatti due-tre quarantene. Però ci siamo abituati e anche gli allenamenti tengono in considerazione alcuni periodi di stop forzato. Ora si spera che gli isolamenti vadano via via diminuendo nelle prossime settimane all’aumentare delle vaccinazioni. Però, la pandemia non ha provocato un crollo nei numeri».
Tornando a quella che sarà la stagione 2022, con la specialità dei lanci si parte il 23 con la fase regionale a Roma e poi 29-30 si torna sulla pista anche se indoor, per Assoluti e giovanili ad Ancona. Il 13 febbraio invece a Fregene si torna al cross con la seconda prova dei campionati per società. Questi gli obiettivi: «Nell’immediato si punta alla qualificazione agli Italiani di cross con gli Allievi e negli assoluti oltre a piazzare nei Cadetti qualche atleta in rappresentativa regionale dove quest’anno tre corridori su sei erano nostri nel campionato per Regioni. Quest’anno ce ne saranno altri perché sono saliti di categoria. Però ci qualifichiamo sempre agli Italiani e vogliamo confermarci sebbene spadroneggino i gruppi sportivi militari». Finale sulla pista di casa, non proprio messa bene: «Dopo tanti anni il tartan si è consumato e per questo siamo valutando insieme al Pincio se si riesce a far rientrare la ristrutturazione nel piano triennale delle opere » la conclusione di Claudio Ubaldi.
Alessio Vallerga «»

Pubblicato venerdì, 14 Gennaio 2022 @ 09:01:00     © RIPRODUZIONE RISERVATA