L'Arcobaleno, poesia dedicata a Marco Vannini nel compleanno di Marina - Terzo Binario News

Le strofe scritte da Vittorio Di Berardino

Dedicata a Marco Vannini di Vittorio Di Berardino
L’arcobaleno

Papà, papà, dormi come n’orco
Te so’ venuto a trova’, Papà so Marco.
Me riccomanno, tu nun te sveja’
senno’ nun te posso più parla’.
De parlatte però sento er bisogno
ma io lo posso fa solo ner sogno.
Però devi prometteme na cosa,
lo so che pe te è tanto dolorosa,
nun je’ lo dì a mamma per favore,
giura co la mano sopra er core,
ormai te lo sei preso quest’impegno
nun devi riccontajelo sto’ sogno.
Nun sapete la pena che me fate,
tutti li giorni vedo che girate
coi fiori n’ mano dentro ar cimitero,
pensate che io sto lì, ma nun è vero,
nun ce so’ mai stato, cercate de’ capì.
Er fio che avete perso nun lo cercate lì
dietro a quella lapide de marmo,
in quer posto così arido e scarno.
Lo so’ che so’ annato via senza dì gnente,
nun per corpa mia papà, ma de quella gente.
Ma chi fa der male, pure tu lo sai,
la giustizia divina nun dorme mai.
Però quante vorte l’avete beffeggiato,
quante vorte deriso e bestemmiato,
quante vorte ve lo sarete chiesto,
perché Signore mio è successo questo!
Perché questa disgrazia, dimme perché
è successo a lui, è successo a me.
Te sei portato via l’unico mio bene,
manco era nato e già era la fine.
Papà, noi famo parte d’un celeste disegno,
sto dolore lo dà a chi lo ritiene degno,
chi c’ha dentro all’anima er sorriso.
Papà sapessi quant’è bello er paradiso!
Dije a mamma che stasse più tranquilla,
pure co sto dolore è sempre la più bella.
Aiutela papà, faje ritornà er coraggio,
falla rifiorì come le rose a maggio,
staje vicino, nun la lascià mai sola,
daje na’ carezza, dije na parola.
Io v’aspetterò n’do sta’ l’ignoto,
conserverò pe’ voi sto posto voto,
starete n’sieme a me pe ricomincià
e leggeremo quel libbro dove la verità,
da quella brutta pagina ancor vicina,
strappato da quella mano assassina.
Papà, ascorta mo’ che er pensiero vola,
io te posso venì a trovà na vorta sola,
se me voi vede’ te lo dico cor core sereno,
guarda sur celo quanno c’è l’arcobaleno,
se guardi bene n’do sta’ quell’uccichio,
quella luce papà, si so’ proprio io.
Ma nun lo di’ a mi madre per carità,
lei nun la finisce mai de sta a guardà.
Pure se l’arcobaleno nun sta qui,
la vedi sempre camminà cor naso in su’.
Daje un bacio grande grande papà mio
e dije però che je l’ho mannato io!
C’è n’antra cosa che me devi fa,
come ar solito però nun te scordà,
saluteme li zii Anna e Roberto
e li cuggini Chicco e Dodo, fa er favore,
dije che me li tengo drento ar core.
Nun te scordà de quello che t’ho detto,
anzi, papà, fatte un nodo ar fazzoletto….

Pubblicato giovedì, 15 Aprile 2021 @ 05:01:00     © RIPRODUZIONE RISERVATA