Frana ad Allumiere, Pasquini: "Siamo la periferia di Città Metro" - Terzo Binario News

Il sindaco: “La Zotta ci ha messo la faccia, qualcosa sta cambiando”

Una frana, che ha coinvolto un’abitazione, ha fatto emergere le problematiche legate alla lontananza – fisica e politica – di Allumiere dai palazzi delle istituzioni. Qualche giorno fa i tecnici di Città Metro, con la vice presidente dell’ex Provincia di Roma Teresa Zotta si sono recati nel centro collinare per verificare lo stato dell’arte.

Un passo indietro: la competenza dell’ex ente di palazzo Valentini insiste su due assi viari ad Allumiere: la Braccianese Claudia e la Provinciale 2b Allumiere Stazione, ovvero una strada di 6 km che “dall’abitato di Allumiere da via San Pietro arriva alla stazione Fs di Allumiere”. Si tratta dell’arteria che dopo lo scalo scende verso la Farnesiana. E proprio lungo questa via si è verificato lo smottamento, che ha interessato l’abitazione.

Da qui lo spunto per un’analisi del sindaco allumierasco Antonio Pasquini, costretto continuamente alla rincorsa per vedere realizzate opere la cui competenza ricade su organismi extracomunali. “L’apertura c’è – recisa il primo cittadino – e la via è percorribile, con alcune precisazioni: persiste il senso unico alternato e manca l’asfalto, che spero vengano a stendere presto>. Poi un retroscena: <L’allarme sulla Allumiere Stazione l’ho lanciato già nel 2018 ma nessuno se ne era interessato. C’è voluta la frana, e l’incolumità a rischio dei cittadini allumieraschi affinché si intervenisse”.

Tuttavia Pasquini non se la sente di mandate tutto alle ortiche: “Anzi, il fatto che la Zotta sia salita fin quassù a vedere di persona cosa fosse accaduto lo considero un segnale estremamente positivo. Ha voluto metterci la faccia ed è un gesto apprezzabile. Ma da qualche tempo si notano segnali interesse come i lavori sulla Settevene Palo, lunghi ma indispensabili, e i due tratti di asfalto posato sulla Santa Severa-Tolfa>.

La considerazione finale: “Siamo al confine di Città Metro, sia geograficamente che politicamente. L’essere periferia implica anche il dover sopportare situazioni simili. Prima, con i consiglieri provinciali era più facile sollevare le questioni locali, con referenti del territorio. Oggi non è più così>.

Nelle scorse ore ad Allumiere si attendeva la neve che tuttavia non è caduta. Però Prociv e l’Università Agraria con i propri mezzi si sono attivate affinché nelle zone strategiche del paese fossero piazzate le riserve di sale, così da evitare guai nel caso di una gelata notturna improvvisa.

Pubblicato martedì, 19 Gennaio 2021 @ 08:42:00     © RIPRODUZIONE RISERVATA