Monnezza Capitale, la Raggi fa scortare i mezzi Ama dalla Polizia di Città Metro fino a Civitavecchia - Terzo Binario News

La sindaca di Roma e Città Metro Virginia Raggi sta facendo scortare dalla Polizia Provinciale i compattatori Ama che vanno a conferire i rifiuti a Fosso Crepacuore. Lo fa sapere gli stessi dipendenti Ama.

Nei giorni scorsi la Polizia Locale civitavecchiese aveva messo pressione i mezzi della partecipata romana,contro cui aveva elevato diverse sanzioni.

Dal presidio di oggi pomeriggio si capirà di più circa le mosse che intendono adottare i sindaci.

Certo viene da chiedersi perché scomodare una forza di polizia per un servizio di questo genere.

Questo il post degli operatori Ama

MONNEZZA SOTTO SCORTA
(E Monnezzari sotto sorveglianza)

Premessa politica.

Quando al potere e all’opposizione ci sono degli irresponsabili, incapaci e, soprattutto, incendiari,
quel “popolo”:
● che non si informa e/o che è disinformato,
● che se ne frega,
● che è esasperato da disagi cronici,

reagisce nervosamente, d’impulso e in modo scomposto, fino ad essere violento.

NOVITÀ DA DIGERIRE
(I fronti aperti sul piede di guerra)

1) Iniziamo dalle prime reazioni politico/istituzionali/sociali da parte del Comune di Civitavecchia (la nostra attuale “buca di scorta”),
che hanno costretto la Raggi a far scortare i “Monnezza Tir” dalla Polizia Provinciale (vedi inizio video oggi).
Chissà cosa succederà nei prossimi giorni tra Vigili comunali e Provinciali.

2) Proseguiamo con il clima politico rovente dovuto alla NECESSARIA Ordinanza di Zingaretti sul fallimentare sistema rifiuti a Roma, messo alle strette dallo stesso Ministero, ma che sta provocando un conflitto politico/istituzionale nel Lazio.

3) Poi ci sono le infuocate reazioni di tutti i Sindaci del Lazio nei confronti della Raggi, che non sono certo un segnale di distensione per le popolazioni, in quanto incoraggiano e sostengono le leggittime proteste dei cittadini.

4) Non potevano mancare i “violentati” residenti di Roma est a stretto contatto col TMB/Trasferenza di Rocca Cencia, ancora sotto assedio dalla monnezza e dal traffico dei mezzi pesanti (vedi video e foto nei commenti). Anche qui, sappiamo, si stanno organizzando delle dure proteste.

5) Per finire, ciliegina sulla torta, ormai si conoscono ( e si sapevano ) i due probabili siti che, secondo i tecnici, sono i più adatti (o i meno peggio) ad essere destinati a discarica di servizio o di stoccaggio.
Anche in questo caso, tenendo conto di quanto detto in premessa, aspettiamoci reazioni importanti da parte della popolazione (foto articoli giornale nei commenti).

Questo pericoloso caos nel periodo Natalizio, naturalmente, non è dovuto allo Spirito Santo e nemmeno alla chiusura di Malagrotta in epoca Marino, come recitano nei soliti ritornelli gli ignoranti sulla materia,

ma alla politica ambientale di questa Giunta, di questa Sindaca e della sua azienda.

DAGLI ALL’UNTORE!!
(Dopo le “Iene” anche la Sindaca)

In questo clima infuocato che vi abbiamo riassunto, a inasprire i rapporti tra una popolazione giustamente inferocita dai disservizi Ama e noi “spalatori di monnezza” (da 5 anni con schiene rotte, vedi video),

non bastava il sedicente giornalismo molestatore da avanspettacolo,
Ci si è messa pure la Sindaca con dichiarazioni che ci ricordano le SS e che riassumiamo in questo modo:
<Telefonate al numero verde Iene/Raggi e FILMATE il

MONNEZZARO “VIVO O MORTO”!>

VIGLIACCHERIA INFANTILE

Attaccare i lavoratori ben visibili e muti in strada è più facile, basta “aizzare” quella popolazione in cerca dei responsabili che, purtroppo, non si riesce a trovare ed afferrare, forse perché seduti nella “sala dei bottoni”.

Ma il Capo Politico del M5S a cui, tra l’altro, abbiamo dato il voto, risiederà ancora a Roma o si sarà trasferito altrove??

A Luigi di Maio, A Zingaretti, al Ministro Sergio Costa, alla Sindaca, a RadioRomaCapitale, a Romatoday,
All’Authority per i servizi pubblici e locali, al M5S di Roma e Nazionale, al Codacons, ai blogger romani.

Pubblicato lunedì, 2 Dicembre 2019 @ 13:48:26     © RIPRODUZIONE RISERVATA