Graziani, Milani a Pd ed Anpi Ladispoli: "Censori di stampo stalinista, democrazia in pericolo" - Terzo Binario News

“È evidente che l’attacco del PD nei miei confronti è palesemente un attacco, per motivi elettorali, al Sindaco e ciò che sorprende è che per fare ciò il PD abbia vestito i panni del censore di stampo stalinista, che decide quali libri far leggere, quali no, e quali da bruciare al rogo. Preoccupante, abominevole, pericoloso.

I libri sono sacri, tutti. Ho appena passato cinque giorni a “Più libri più liberi”, in compagnia di migliaia di libri di tutti i generi (c’era anche quello su Graziani), tutti trattati con la stessa dignità, tutti proposti liberamente, senza nessun rogo, come quello che vorrebbe fare il PD dei libri a lui non graditi.

Finché sarò Assessore non permetterò che alcun libro venga messo all’indice, nessuno! Cosa diversa è discuterne il contenuto e la presentazione dello stesso, che ancora non c’è stata! Come fanno a giudicarla “revisionista, agiografica, assolutrice”? Che ne sanno cosa penso io di Graziani?

Vogliono il rogo per mancanza di argomenti. Ma qui trovano il rispetto anche per chi non la pensa come me e non ci saranno roghi di libri finché ci sono io. Devo ricordare la figuraccia dello scorso anno quando fecero lo stesso con la conferenza sulla letteratura fascista salvo poi zittirsi una volta saputo che a organizzarla non ero stato io ma qualcun altro a loro vicino?

E poi c’è l’aspetto storico! Se dovessimo cassare tutti i personaggi che nella storia hanno ucciso, torturato, giustiziato, come Nerone, Giulio Cesare, Napoleone, eccetera potremmo stampare i manuali di storia su due pagine. A meno che non lo facessero loro il manuale, allora vi troveremmo benefattori dell’umanità quali Stalin, Castro, Pol Pot e tanti altri.

Chiudo senza ironia alcuna: il pericolo per la nostra democrazia esiste, è concreto e riguarda non tanto i singoli che hanno contestato tale scelta ma associazioni come l’ANPI e partiti come il PD che hanno una concezione della libertà tutta loro e che vogliono mettere al rogo i libri non graditi, facendo proprio ciò di cui accusano i regimi liberticidi. E questa è democrazia?”
Marco Milani

Pubblicato giovedì, 9 Dicembre 2021 @ 12:54:02     © RIPRODUZIONE RISERVATA