eToro: ecco cosa c'è da sapere prima di diventare trader - Terzo Binario News

Tutti abbiamo sentito parlare almeno una volta di eToro, la piattaforma per il trading online famosa per essere tra le migliori in termini di opzioni social e trading automatico. 

Divenuto famoso negli ultimi anni soprattutto grazie a una campagna pubblicitaria fatta di personaggi illustri e spot brillanti, il broker online di Tel Aviv sta vivendo un periodo particolarmente roseo. Complice infatti il periodo di crescita esponenziale dell’intero settore online dovuto alle tante limitazioni sul poter uscire o finanche lavorare, anche eToro ha giovato di questa situazione e di tutte quelle persone cercano di guadagnare e reinvestire i propri capitali direttamente da casa. 

Per analizzare a fondo il servizio di eToro ci siamo rivolti agli esperti di trading online di EdilBroker.it, i cui articoli potrete trovare a questo link: www.edilbroker.it.

eToro è un broker regolamentato

La prima cosa da sottolineare quando si parla di eToro è che si tratta di un broker online autorizzato. Ciò significa che questo servizio di brokeraggio è regolamentato ed autorizzato da uno o più enti regolatori in materia finanziaria, i quali hanno rilasciato una licenza che comprova il raggiungimento di tale obiettivo. 

Nelle fattispecie, eToro è in possesso de:

  • L’autorizzazione CONSOB: utile per il territorio italiano.
  • L’autorizzazione CySEC: utile per il territorio dell’Unione Europea.
  • L’autorizzazione ASIC: utile per il territorio dell’Australia.
  • L’autorizzazione FCA: utile per il territorio del Regno Unito.
  • L’autorizzazione FinCEN: utile per il territorio degli Stati Uniti.

Tutte le suddette autorizzazioni sono verificabili sia sulla pagina web di eToro che sulle pagine principali degli enti sopracitati.

eToro: cosa offre

La piattaforma di eToro si caratterizza per un’offerta molto varia e che dà accesso a tantissimi mercati finanziari. La sua offerta è quindi particolarmente varia, tutta votata a un aspetto nuovo e social del trading, tant’è che l’idea di fondo che fa da colonna portante di questa piattaforma è detta Social Trading.

Tra i tanti asset su cui è possibile investire troviamo titoli come:

  • Azionariato (AMZN, GOOG, TSLA…);
  • ETF (XLE, DIA, SPY…);
  • Forex (EUR/USD, USD/CAD, EUR/CAD…);
  • Criptovalute (BTC, ETH, XRP..);
  • Indici (NSDQ100, China50, AUS200…);
  • Materie prime (ORO, ARGENTO, PALLADIO…).

Ad oggi, è possibile accedere a diverse modalità di investimento grazie ad eToro specificamente pensate per i suddetti asset. Tra questi, ricordiamo lo strumento per cui è divenuto maggiormente famoso questo broker in tutto il mondo: il Copy Trading.

Grazie a questa opzione è possibile infatti investire non tanto su un asset in sé per sé, ma piuttosto sulle persone. Ciò è possibile perché, una volta attivato, sarà possibile investire “copiare” il portafoglio azionario di un altro trader che “concede” di essere copiato ed è quindi visualizzabile sulla piattaforma. Tra i principali “copiati” troviamo i cosiddetti Top Investors, la controparte imprenditoriale degli influencer sulle classiche piattaforme social. 

In questo caso, però, siamo dinanzi a personaggi divenuti famosi per i propri investimenti proficui, e che quindi vengono copiati da migliaia e migliaia di persone.

eToro: come si investe

Prima di cominciare con un qualsivoglia investimento su eToro, è importante avere ben chiaro come si investe sulla piattaforma e in che modalità.

Non tutti sanno infatti che quando si fa trading online su eToro, così come la maggior parte delle altre piattaforme di questo genere, si maneggiano dei prodotti finanziari derivati detti CFD. I cosiddetti “contratti per differenza” sono dei derivatives che permettono all’investitore di guadagnare su un asset quotato in Borsa senza doverlo necessariamente possedere.

Ciò si differenza dall’investimento diretto (possibile su eToro tramite trading in DMA-Direct Market Access), poiché si potrà speculare sull’andamento della quotazione e le sue oscillazioni, le quali non dovranno essere per forza positive (quindi di rialzo), ma anche negative. L’importante sarà studiare il mercato e comprendere in anticipo in che direzione sta andando il titolo interessato e investire di conseguenza.

Pubblicato venerdì, 7 Maggio 2021 @ 15:39:00     © RIPRODUZIONE RISERVATA