Sede zonale CNA di Tarquinia: la giovane imprenditrice Chiara Scipioni eletta presidente - Terzo Binario News

Porta nell’Associazione sicuramente tanto entusiasmo. Chiara Scipioni,
socia di una impresa che opera nel campo della panificazione, è stata
eletta ieri pomeriggio presidente della sede zonale CNA di Tarquinia
dall’Assemblea degli associati, riunitisi in un agriturismo. La giovane
imprenditrice, che succede a Sandro Pestelli, ha chiarito che questa sfida
le piace e intende affrontarla partendo dal coinvolgimento degli operatori
economici dei tanti settori che compongono il mondo dell’artigianato e
della piccola e media impresa.
La presenza della CNA è ben radicata nel comune etrusco. Un anno e
mezzo fa è stata aperta, nel cuore dell’area per gli insediamenti produttivi,
una nuova sede, più moderna e funzionale alle esigenze delle 300
imprese associate e dei cittadini che fruiscono dei servizi: una realtà in cui
lavorano otto addetti, i quali, anche durante il lockdown, hanno assicurato
informazioni e assistenza, come ha detto il responsabile della sede,
Fabrizio Marra. “Nell’emergenza, anzi, siamo stati ancora più vicini alle
persone, abbiamo cercato di dare il massimo”, ha aggiunto.
Ora c’è da guardare avanti. “Dobbiamo fare in modo che le nostre imprese
intercettino la ripresa. A Tarquinia si respira un clima di fiducia nella filiera
dell’edilizia: siamo punto di riferimento per tanti imprenditori che vogliono
cogliere l’opportunità del Superbonus e degli altri bonus fiscali per le
ristrutturazioni, nonostante le difficoltà legate sia al boom dei prezzi delle
materie prime sia alla complessità delle procedure”, ha affermato,
concludendo l’incontro, Luigia Melaragni, segretaria della CNA di Viterbo
e Civitavecchia. Che ha allargato l’attenzione agli altri settori la cui
ripartenza è decisiva per il litorale – come il turismo, l’agroalimentare e
l’artigianato artistico – e ha evidenziato quanto sia importante il confronto
con le istituzioni e con gli altri attori del territorio sui progetti e sull’uso
delle risorse per lo sviluppo.
A questo proposito, CNA ha fatto parte del Comitato promotore del
Biodistretto della Maremma Etrusca e Monti della Tolfa, di recente
approvazione.

Pubblicato martedì, 29 Giugno 2021 @ 16:17:45     © RIPRODUZIONE RISERVATA