Metro A: dal 18 ottobre chiusa stazione Baldo degli Ubaldi per revisione scale mobili e ascensori - Terzo Binario News

“Dal 18 ottobre, la stazione Baldo degli Ubaldi della linea A della metropolitana resterà chiusa per circa tre mesi per consentire lo svolgimento dell’attività di revisione ventennale di scale mobili e ascensori, attività obbligatoria in base alle vigenti norme sull’esercizio degli impianti di traslazione”. Così Atac in una nota.

“I treni della metro A, quindi, transiteranno senza effettuare la fermata.
La chiusura è necessaria per consentire lo svolgimento di lavorazioni complesse, garantendo la sicurezza delle maestranze e dei viaggiatori. Complessivamente saranno sottoposte a revisione 12 scale mobili e 7 ascensori. Atac si scusa per il disagio”.
 
LE ALTERNATIVE
“In sostituzione della stazione Baldo degli Ubaldi potranno essere utilizzate le vicine stazioni di Cornelia e Valle Aurelia, dove i treni della metro A continueranno a fermare regolarmente. Per tutta la durata della chiusura della stazione, la linea bus 490 (stazione Tiburtina-Cornelia) sarà potenziata. La linea 490 è accessibile ai passeggeri a ridotta mobilità”.

Virginia Raggi, sindaca di Roma, ha notato: “La sicurezza prima di tutto. Dopo vent’anni di mancata manutenzione la nostra amministrazione sta intervenendo per le dovute revisioni di ascensori e scale mobili della stazione metro A Baldo degli Ubaldi. Per questo motivo la fermata, dal 18 ottobre resterà chiusa per tre mesi. Un disagio purtroppo necessario dato il totale disinteresse di chi in questi decenni sarebbe dovuto intervenire”.

“Non si tratta di dare la colpa ad altri, ma voglio spiegare perché è necessario chiudere una stazione della metro per tutto questo tempo. Quello di questi mesi sarà un lavoro complesso ma fondamentale, al termine del quale avremo un servizio efficiente e, soprattutto, sicuro per tutti. Complessivamente saranno sottoposte a revisione 12 scale mobili e 7 ascensori. Intanto Atac ha previsto alcune alternative: in sostituzione della stazione Baldo degli Ubaldi potranno essere utilizzate le vicine stazioni di Cornelia e Valle Aurelia, dove i treni della metro A continueranno a fermare regolarmente. Per tutta la durata della chiusura della stazione, la linea bus 490 (stazione Tiburtina-Cornelia) sarà potenziata. La linea 490, lo ricordo, è accessibile ai passeggeri a ridotta mobilità. Ringrazio tutti, dipendenti Atac e maestranze per il loro lavoro e, soprattutto, voi per la pazienza e la comprensione”.

” Poco fa è comparso sulla fermata Metro A di Baldo degli Ubaldi l’avviso della chiusura della stazione per ben tre mesi per “revisione ventennale”. Tradotto la stazione chiude il 18 ottobre per la revisione di scale e ascensori che non era stata mai fatta dall’inaugurazione nel 2000. Sembra incredibile ma con Barberini chiusa da quasi un anno, dopo lo scandalo di Repubblica e Spagna e appena trascorso lo stop di un mese su tutta la linea ad agosto ora si chiude per mesi un’altra stazione senza battere ciglio. Un ottima presentazione per il nuovo Assessore alla mobilità Calabrese non c’è che dire”. A dichiararlo Julian Colabello, consigliere municipale Pd del Municipio XIV e tra gli animatori dei comitati contro la privatizzazione del trasporto pubblico.

“Ma potrebbe non finire qui” aggiunge “Se la questione è la mancata revisione degli impianti (scale mobili e ascensori) anche altre stazioni inaugurate vent’anni fa potrebbero chiudere a breve, tra queste lo snodo fondamentale di Cornelia che al pari di Baldo degli Ubaldi
risulta dalla gara per la manutenzione del 2016 abbia le revisioni in scadenza a dicembre. Se dovesse accadere con relativi rallentamenti e spostamenti della linea, sarebbe ulteriormente drammatico per il quadrante nord ovest di Roma già in ginocchio da un punto di vista della mobilità e dove l’unica risposta approntata in 4 anni dalla Raggi è stata la fantomatica funivia Battistini Casalotti e la cancellazione del prolungamento della metro. È urgente avere chiarimenti su Cornelia e altre stazioni che potrebbero chiudere. I 5stelle e la Raggi dicono di essere a favore della gestione pubblica del trasporto ma la loro incapacità gestionale è il migliore spot per i sostenitori della privatizzazioni e le destre. Roma merita di più, la Raggi dovrebbe seriamente valutare le dimissioni per consentire al più presto nuove elezioni comunali”.

Pubblicato sabato, 12 Ottobre 2019 @ 12:55:39     © RIPRODUZIONE RISERVATA