Wi-Fi, il M5S Ladispoli pronto a presentare una mozione per ridurre le onde nelle scuole e edifici pubblici - Terzo Binario News

“Invisibili ai nostri occhi, impalpabili al tatto, inodori all’olfatto e silenziose all’udito ma continuamente fluttuanti intorno a noi. Stiamo parlando delle onde elettromagnetiche che ormai, come uno tsunami, hanno sommerso il pianeta. Esistono 1,4 milioni di antenne per cellulari installate in tutto il mondo e più di cinque miliardi di telefoni cellulari, in un mondo che non sa più vivere senza connessione e che ci fa sentire partecipi al tutto. Ora non si può demonizzare un sistema di comunicazione così importante ma sicuramente non si possono nascondere gli evidenti rischi ed effetti indesiderati.

Se ci pensiamo un attimo vi sono dei segnali che fanno capire quanto impatto hanno queste onde invisibili sia sulle cose e ovviamente sulle persone. Se non fosse così perché quando prendiamo un aereo dobbiamo spegnere il telefono cellulare? E perché dove ci sono ospedali si distanziano le antenne o si prevedono forti limitazioni all’uso di questi “indispensabili” dispositivi personali? Altre domande spontanee che riscontrerete forse ovvie ma senza essere informati sulle vere ragioni: perché da qualche tempo si consiglia di usare l’auricolare per parlare al telefono cellulare? Possiamo dire che queste onde mutino qualcosa?
Ora, se in questi casi giustamente facciamo prevenzione su noi stessi, perché non usiamo lo stesso criterio di precauzione per i nostri figli iniziando a limitarci e far limitare (se non evitare del tutto) l’uso del segnale Wi-Fi negli asili nido, scuole materne, elementari e medie? Le soluzioni tecnologiche a disposizione ci aiutano anche in questo cablando i punti che hanno bisogno di una connessione continua e di usare il Wi-Fi solo in quei casi e momenti veramente necessari.

Sia chiaro, qui nessuno vuol porre in dubbio i molteplici vantaggi della tecnologia. È una cosa favolosa che sicuramente migliora la nostra vita. Ma allo stesso tempo e in modo intelligente, dobbiamo chiederci se alla fine, continuando ad ignorare certi non troppo ben notiziati risvolti ed effetti, poi non ci procurino un conto troppo salato ed inevitabile per la nostra salute.

Oltre al nostro buon senso, l’unica soluzione al momento che ci viene consigliata a livello normativo nazionale ed europeo è applicare il principio di precauzione. Per questa ragione ripresenteremo a breve la nostra mozione per far ridurre (se non evitare del tutto) a titolo precauzionale, le onde wi-fi nelle scuole e negli edifici pubblici di Ladispoli dove sono frequentati dai minori.

Invece del silenzio e del non parlarne adeguatamente, preferiamo approfondire il discorso e ci attendiamo quelle auspicabili risposte utili a rassicurarci sulla non malignità alla salute di queste innaturali irradiazioni considerando anche il fatto che al mondo d’oggi ne siamo tutti costantemente investiti in modo ravvicinato.
A tal proposito preannunciamo l’iniziativa di organizzare appena possibile un apposito seminario presenziato da esperti e figure competenti in materia da tenersi nel nostro comune/territorio che sarà specificamente dedicato a chiarire i molti dubbi sulla questione e per essere aggiornati sugli esiti di attendibili studi e ricerche finora istituite ai vari livelli, sia nazionali che internazionali. Concludendo, non solo come semplici utenti ma anche come preoccupati padri di famiglia, ci auguriamo di ottenere delle chiare spiegazioni sugli indesiderati effetti di queste insidiose onde e.m. e le eventuali contromisure o soluzioni alternative”.

M5S Ladispoli

Pubblicato giovedì, 12 luglio 2018 @ 10:29:36     © RIPRODUZIONE RISERVATA