"Valore al cibo", la campagna contro lo spreco alimentare entra nel vivo a Tolfa - Terzo Binario News

di Cristiana Vallarino

Presentato ufficialmente in municipio, stamattina, l’avvio nel Comune di Tolfa della campagna “Valore al cibo”, resa possibile grazie al contributo della Città Metropolitana Roma Capitale e Regione Lazio.

La progettista incaricata ha ripercorso, aiutandosi con slide, i punti essenziali alla base del progetto che mira a contrastare lo spreco alimentare. Elencando cifre, numeri e conseguenze economiche e ambientali inevitabili se si  gettano tra i rifiuti i prodotti alimentari e quindi quali sono le azioni da portare avanti per ridurre il fenomeno, educando tutti a tenere in maggiore considerazione i cibi che compriamo.

Come già anticipato, la campagna prevede il coinvolgimento di esercizi commerciali, in primis negozi, grande distribuzione e attività di ristorazione e poi le scuole.

Nello specifico, a Tolfa si comincerà subito con l’istituzione di due punti informativi, dove si riceveranno materiali illustrativi e chiarimenti. Il primo l‘8 maggio sarà allestito sulla piazza Vittorio Veneto; il secondo il 15 maggio all’interno del Picnic musicale, organizzato da TolfaJazz.

Ma poi ci sarà uno show cooking: una chef eseguirà “dal vivo“ ricette improntate al recupero e al riciclo, naturalmente a base di prodotti locali: cosa che avverrà il 18 o il 19 giugno, nell’ambito della tradizionale Sagra del Prosciutto.

Alla campagna hanno già da tempo aderito praticamente tutti i ristoranti del paese che quindi mostreranno la vetrofania, avranno sui tavoli il “cavaliere“ che illustra l’iniziativa, anche in inglese, e soprattutto potranno dotare i clienti di appositi contenitori termici per portare via il cibo non consumato, delle “Family Bag“.

Il Comune poi creerà un apposito sportello informativo virtuale, dove i cittadini potranno avere risposte da parte di personale opportunatamente formato. Saranno inoltre, col contributo di organizzazioni tipo la Protezione Civile, chiamati in casua i supermercati locali, così da poter dirottare a chi ne avesse bisogno quei prodotti ancora buoni, ma non più vendibili per regole interne alla grande distribuzione. Sono anche previsti riconoscimenti per quelle attività commerciali che di propria iniziativa, a fine giornata, rendano disponibile l’inveduto alimentare.

Importante sarà naturalmente il coinvolgimento delle scuole che si organizzerà probabilmente a partire dal prossimo ottobre, quando si avvieranno anche le mense. Ai bambini sarà spiegato perchè non si deve sprecare il cibo e saranno distribuite delle sacchette dove loro potranno riporre la mela o il panino che quel giorno non hanno mangiato per portarlo a casa. Saranno poi guidati dalle loro insegnanti nel tenre un diario alimentare e a realizzare elaborati o lavori che siano bilancio di quanto fatto.

Alla presentazione di ieri c’erano la sindaca Stefania Bentivoglio, gli assessorri Tomasa Pala e Alessandro Tagliani e la consigliere Valeria Pacchiarotti oltre al responsabile della ProCiv Antonio Filabozzi.

Pubblicato mercoledì, 4 Maggio 2022 @ 17:59:53     © RIPRODUZIONE RISERVATA