Università Agraria, ad Allumiere vince la lista "Civicamente per il bene comune" • Terzo Binario News

Il commento di Daniele Cimaroli, primo degli eletti

Dopo le recenti elezioni comunali un altro tassello va comporre il quadro
istituzionale degli amministratori che nei prossimi anni governeranno Allumiere
e il suo territorio: domenica la lista Civicamente per il bene comune ha infatti vinto le elezioni per il rinnovo della locale Università Agraria.

Sull’affermazione di questa lista parliamo con Daniele Cimaroli, primo degli eletti con ben 370 preferenze.
Cimaroli, immagino che sarà molto contento, ma mi dica francamente se si
aspettava questo risultato?
Sapevamo di confrontarci con avversari molto agguerriti, che per di più
cavalcavano l’onda del successo alle comunali. Ma non ci siamo mai persi
d’animo. D’altra parte se non si scende in campo per vincere è meglio farsi da
parte. Noi abbiamo sempre confidato nella capacità dei cittadini di saper
scegliere chi meglio li rappresenta. Avevamo chiaro in mente che avremmo
dovuto lottare fino all’ultimo voto. Ci siamo impegnati a fondo e il risultato è
arrivato.
In effetti avete vinto per una differenza di circa sessanta voti.
E’ vero ma non si può dire che abbiamo vinto per il rotto della cuffia. Se lei
guarda alla distribuzione delle preferenze noterà un distacco enorme tra i
nostri candidati maggiormente votati e quelli della lista avversaria. Dunque
l’indicazione dell’elettorato è stata chiara. E’ vero che i nostri avversari
presentano una distribuzione delle preferenze più omogenea della nostra, ma
questo è dovuto al fatto avevano alle spalle un’organizzazione derivante dal
successo ottenuto alle comunali. Dietro la nostra lista invece c’era solo la
buona volontà di dodici cittadini che si sono messi insieme per il bene comune.

Daniele Cimaroli


E allora mi dica, cosa intendete fare per il bene comune?
L’Università Agraria esiste per soddisfare le richieste di tutti i propri utenti. E
sottolineo tutti. Sia chi ha animali e terra sia chi non li ha. Per esempio coloro
che intendono sviluppare il trekking, sentieristica, l’uso civico della legna e così
via. Le risorse dell’Università Agraria saranno messe a diposizione della
popolazione nel suo complesso e in modo il più possibile uniforme senza
privilegiare questa o quella categoria.
Quali saranno punti qualificanti della vostra gestione?
Per noi l’Università Agraria costituisce un volano per lo sviluppo socio-
economico. Dunque valorizzeremo le risorse che rendono tipico il nostro
territorio portando a compimento le azioni che avevamo intrapreso con la
precedente giunta: l’allevamento dei bovini di razza maremmana, la promozione dei prodotti locali, la ristrutturazione e l’ampliamento del centro
d’ingrasso. Punteremo poi con decisione sul turismo. Allo stesso tempo, in
sintonia con Comune, ci adopereremo per il rifacimento delle strade rurali e
l’approvvigionamento di acqua nei fontanili per gli allevatori. Infine, ci
impegneremo per sbloccare il Piano di assestamento forestale fermo da ormai
troppo tempo in Regione.

Creative Web Studio Civitavecchia

Pubblicato martedì, 19 Luglio 2022 @ 08:30:00     © RIPRODUZIONE RISERVATA