Trevignano ospita una tre giorni con Humanae Vitae: primo appuntamento con Ingroia - Terzo Binario News

Un nuovo progetto legato al tema della legalità, quale strumento di prevenzione da attuare anche sul piccolo territorio.

Numerose le personalità di spicco, nella diffusione della cultura della legalità e nella lotta contro la criminalità organizzata, che negli ultimi anni il Comune di Trevignano Romano ha avuto il piacere di ospitare. Abbiamo avuto il piacere di ascoltare e conoscere in convegni di questo genere: giornalisti impegnati come Paolo Borrometi o figure di spicco come il Capitano Ultimo e Don Antonio Coluccia.

Per questa tre giorni all’insegna della letteratura, del giornalismo d’inchiesta e della legalità avremo come graditi ospiti:

Dario Cirrincione, scrittore e giornalista Sky autore de “I figli dei boss” (edizioni San Paolo) storie di giovani nati in famiglie malavitose e che cercano un riscatto, possibilità per una vita diversa, scelta da loro.

Floriana Bulfon, autrice de “I Casamonica”, libro inchiesta edito da Rizzoli su uno dei clan più potenti e pericolosi di Roma, gravemente e colpevolmente sottovalutato per anni.

Dina Lauricella, autrice di “Il codice del Disonore” (Einaudi), laddove la D sta per Donne, donne di ‘Ndragheta, Donne che uccidono e Donne che vengono uccise in nome di un codice spietato.

Il ciclo di incontri inizia sabato 18 gennaio alle 17,30 presso l’Aula Consiliare del Comune di Trevignano Romano, con la presentazione de “I figli dei boss”: dopo i saluti del Vicesindaco Luca Galloni e del Presidente dell’associazione Humanae Vitae Gianluigi De Benedittis dialoga con l’autore l’avvocato Antonio Ingoia, modera l’evento Arcangela Galluzzo, delegata alla Legalità per il Comune di Fiumicino.

Pubblicato mercoledì, 15 Gennaio 2020 @ 20:15:52     © RIPRODUZIONE RISERVATA