Torre Gaia: bene confiscato alla mafia diventa cohousing per persone anziane - Terzo Binario News

“Sono stata nel quartiere Torre Gaia, periferia est di Roma. Qui è stato confiscato un immobile alla criminalità organizzata. Noi ci apriremo un cohousing per persone anziane. I lavori sono già in corso”. Questo l’annuncio di Virginia Raggi, sindaco di Roma.

“Pensate che questo bellissimo appartamento prima era disastrato. Lo abbiamo quindi ristrutturato, con fondi europei, e poi arredato. Adesso mancano solo gli ultimi ritocchi e il servizio sarà presto attivo. Vogliamo convertire parte delle nostre strutture – ha evidenziato – e aggiungerne anche di nuove, come questo appartamento, per proporre alle persone anziane formule di ospitalità di dimensione familiare in cui poter avere più autonomia e autodeterminazione”.

“Ringrazio tutte le persone che si sono impegnate in questo lavoro, che oggi ci dà un risultato davvero splendido, al servizio della nostra comunità. Grazie alle assessore Linda Meleo e Veronica Mammì, a Roberto Romanella – Presidente del Municipio VI, ai Dipartimenti coinvolti e ad ogni singola persona che ha contribuito”.

“L’intera operazione di riorganizzazione del sistema di accoglienza delle persone anziane sul nostro territorio coinvolge ad oggi 9 immobili. Entro il 2021 stimiamo di passare da circa 200 a oltre 300 posti disponibili stimati e soprattutto promuoveremo forme di cohousing e case alloggio inserite nei quartieri e uno stile di “invecchiamento attivo””.

“Le persone sono risorse, valorizzare la dimensione di comunità e l’attivazione di ognuno è fondamentale – ha evidenziato – anche così si migliora la qualità della vita, per i singoli e l’intera città”.

Pubblicato sabato, 25 Gennaio 2020 @ 06:00:00     © RIPRODUZIONE RISERVATA