TolfArte, domani la serata inaugurale in piazza nel nome della leggerezza • Terzo Binario News

Presentato ufficialmente il 18^ Festival internazionale che apre con lo spettacolo di danza aerea curato da Giordano Orchi

Meno uno, il giorno di TolfArte è arrivato. Domani, venerdì 5, si alzerà il sipario sulla manifestazione che da 18 anni per tre giorni anima il primo weekend d‘agosto. In piazza ci sarà lo spettacolo “Notte del deserto” ideato dal danzatore e coregrafo Giordano Orchi.

A mettere l’ultimo tassello della preparazione del Festival è stata la conferenza stampa di presentazione ospitata a Civitavecchia nella sede della Fondazione Cariciv, fra i principali sponsor storici dell’evento.

Sono intervenuti tutti i principali “attori” del Festival internzionale dell’arte di strada e dell’artigianato artistico, ovvero i rappresentanti dell’associazione culturale che è trasformazione-emanazione della Comunità Giovanile che ideò la manifestazione nel 2005; Scuderie MArteLive per la direzione artistca, l’amministrazione comunale, il Polo Culturale col team di Tolfa Gialli&Noir che collabora in versione Off all’angolo letterario e, naturalmente la padrona di casa, ovvero la presidente della Fondazione. Nella foto del titolo da sinistra, Giordano Iacomelli, Gabriella Sarracco, Francesca Ciaralli, Stefania Bentivoglio, Caterina Battilocchio, Claudio Coticoni, Tomasa Pala, Serena Ferraiolo.

Giordano Orchi firma lo spettacolo inaugurale

La presidente dell’associazione che organizza TolfArte, Francesca Ciaralli, ha ricordato l’opening – venerdì sera in piazza Vittorio Veneto – con il tradizionale spettacolo di acrobatica aerea, poi sabato e domenica tutti gli spettacoli gratuiti che saranno distribuiti nelle strade, nelle piazze e anche dentro i palazzi del centro storico.

“Avremo 180 presenze in tre giorni – spiega Caterina Battilocchio, fin dall’inizio nel team organizzativo –. Nelle arti circensi copriamo praticamente tutte le tutte discipline. Di fatto poi, TolfArte è già iniziato: molti volontari sono già impegnati, visto che sono già arrivati gli artisti stranieri che fanno parte di un workshop a chiusura di un progetto internazionale che abbiamo vinto, “Move Your Limits”. Quest’anno diventiamo maggiorenni ma non smetteremo di crescere!”.

Per l’assessore alla Cultura Tomasa Pala “il Comune non può che essere felicissimo che TolfArte sia tornata a pieno regime”. “Mi piace molto – aggiunge – il tema di quest’anno quello della leggerezza: perché abbiamo bisogno di sognare. §Se ne ha sempre bisogno, ancora ai più dopo il Covid, anche se il Festival è stato fatto lo stesso sia pure contingentato”.

La sindaca Stefania Bentivoglio definisce TolfArte “un sipario di magia di creatività, di leggerezza: un modo per poter godere tre giorni di sperimentazione, di creatività”. “Sarà un evento fantastico grazie a una serie di persone che si impegnano per giorni e mesi – prosegue -. Quindi dobbiamo ringraziare la presidente Ciaralli, Caterina Battilocchio e gli altri della squadra. E grazie a chi ci sostiene come la Fondazione con la sua presidente Sarracco. Ma soprattutto grazie a una cittadinanza che si presta, sopporta inevitabili disagi ed è pronta ad accogliere migliaia di persone. Noi siamo strutturati per riceverne parecchi: abbiamo un piano di viabilità e uno per la sicurezza. Quest’anno è un’incognita, dopo i 2 anni in emergenza sanitaria, ma noi siamo pronti come lo siamo stati pre-Covid”.

Anche la presidente della Fondazione Cariciv ha sottolineato “l’insostenibile leggerezza dell’essere, un tema importante: la leggerezza si vedrà già con gli acrobati volanti della prima sera. Voglio aggiungere poi che TolfArte, un evento ormai non solo locale o regionale, ma nazionale se non di più, abbraccia tutte le fasce d’età. Dai bambini in su. E infatti c’è TolfArte Kids, con un suo cartellone”.

Da ricordare anche chi firma il suggestivo logo-manifesto di TolfArte 2022, ovvero Serena De Angelis. Così come Riccardo Pasquini, che cura l’installazione artistica. E ancora Angelo Paoletti per il videopromo, l’Associazione Culturale EuDaimonie, il Centro studi italo Morvegese, Pino Pascucci, il ristorante la Loggetta e la Grandi sollevamenti e servizi srl senza cui non sarebbe possibile lo spettacolo inaugurale.

Pubblicato giovedì, 4 Agosto 2022 @ 10:31:09     © RIPRODUZIONE RISERVATA