Tarquinia: gli studenti ricordano la professoressa Giorgi - Terzo Binario News

In ricordo della prof.ssa Stefania Giorgi, gli studenti e la dirigente scolastica
affiggono targa ricordo e collocano una pianta nel piazzale del Liceo
scientifico al Lido. La prof.ssa Giorgi è scomparsa improvvisamente qualche
mese fa lasciando tutti i docenti e studenti attoniti e addolorati.

“La perdita delle persone che formano il nostro mondo è sempre difficile da
accettare. – riferisce la Dirigente scolastica – Siamo social connessi con il
mondo e ci sembra di essere invincibili, ma quando un tassello di questo
grandissimo mondo si stacca, allora ci rendiamo conto che il nostro mondo, il
nostro vero mondo è quello che ci vive intorno: la famiglia, la scuola, gli amici
veri, quelli in carne ed ossa. In questo mondo possiamo amare, ma anche
sbraitare; litigare, ma anche volerci bene veramente, discutere con forza, ma
anche apprezzare il lavoro degli altri. Tutto ciò ci appare più chiaro quando per
qualche strano gioco del destino perdiamo una parte della nostra
quotidianità”.
“Oggi siamo qui per affermare che Stefania, la professoressa Giorgi, fa parte
delle nostre vite e lì la ritroveremo sempre e continuerà a crescere e vivere
con noi.- continua La dirigente scolastica Laura Piroli – Quante volte non siamo
stati d’accordo, quante volte avremmo voluto esprimerci liberamente per
esternare il nostro disappunto, ma poi, quando non possiamo fare più nulla, ci
tornano in mente le mille scuse non chieste, i mille abbracci non dati, i mille
sorrisi non rivolti. Tutto ciò ci insegna che dobbiamo essere sempre pronti a
vivere serenamente cercando di pensare al perché di alcuni atteggiamenti
altrui, senza per questo criticarli, e senza rimandarne il giudizio positivo a
tempi migliori. Per il bene ci deve essere il qui e ora senza rimandi. La vita è
ricca e a volte gli occhi non bastano per vederla tutta, per questo non
dobbiamo sprecare neanche un attimo: sono tutti preziosi. L’insegnamento di
Stefania ha forgiato generazioni e generazioni di alunni e tutti indistintamente
ne sentono ora la sua mancanza e lodano il suo lavoro e la sua umanità. Ci ha
costretti a confrontarci con il suo sapere e con il suo carattere e tutti ne siamo
stati arricchiti”. La preside ha poi voluto che fossero proprio gli studenti ad
esternare le emozioni: “Sentire la voce di voi amatissimi alunni di Stefania le
vostre emozioni sono esattamente quelle dei tantissimi studenti che ha avuto
nella sua lunga carriera”.
TESTIMONIANZE DEI RAGAZZI

“Questa targa,renderà ancora più forte la presenza della Prof.ssa Stefania
Giorgi bel nostro liceo, per noi che abbiamo avuto l’onore ed il piacere di
averla conosciuta e di aver fatto con lei un tratto della nostra vita, ma anche
per le generazioni future, perché anche loro sappiano che c’era e perché la
Comunità del Cardarelli avanza compatta con tutti coloro che l’hanno fatta
grande”.
La VA scientifico: “Cara professoressa scrivere in poche righe ciò che ha
rappresentato per noi è più difficile di tutti gli esercizi di matematica che fino
a ieri sembravano essere il nostro problema più grande. Oggi siamo tutti qua
per darle un ultimo saluto, sperando che ci possa anche lei ricordale da
lassù..ci raccomandiamo però, non si arrabbi più con gli alunni che non
studiano o con i “potenti mezzi”, così come li chiamava lei. Sappiamo tutti che
per uno spirito libero come lei era molto difficile stare alle restrizioni date ma,
nonostante tutto, si è organizzata e fatta forza per insegnarci la matematica e
la fisica. In questi 4 anni di risate di rimproveri, viaggi, pranzi al sushi, è riustita
ad entrare profondamente nei nostri cuori. In questo anno così difficile, la
speranza era quella di rivederla entrare in classe dandoci il buongiorno, e
magari anche un lungo abbraccio, con i suoi soliti mocassini, la polo della
Lacoste e la borsa piena dei valori che ci ha trasmesso. Ci ha insegnato a
guardar dare alto, a credere in noi stessi, ma soprattutto ci ha insegnato ad
essere umili e onesti, due parole su cui basava quel rapporto fantastico che
aveva con gli alunni e che andava al di fuori dell’orario scolastico. Non ci
dimenticheremo delle videochiamate , per spiegarci gli esercizi non capiti o
semplicemente per chiederci come stessimo. Se n’è andata come un fulmine
ed ha portato con lei lavagna, gessetti e cancellino, senza il suo “Amico fidato”
porta gesso. Siamo sicuri che da lassù abbia già vietato l’uso delle Lim troppo
piccole per scrivere le infinite dimostrazioni. Magari con sé ha portato quelle
immense e lunghe lavagne nere di cui ci parlava sempre. Ci prometta che,
anche dall’alto, continuerà sempre a portare le scarpe bianche e che non privi
nessuno delle sue linguacce e sorrisi. Grazie la VA Scientifico.
Un ricordo di Patrizio Proietti e tutta la IVA scientifico:
“è così difficile mettere insieme le parole giuste per esprimere il dolore per ciò
che è successo, parlo a nome di tutta la classe, ma credo che molti potranno
ritrovarsi in ciò che dico. Stefani Giorgi è stata un’insegnante straordinaria ,
disposta ad aiutare sempre gli studenti. Era una persona APPASSIONATA del
suo lavoro: la matematica ed i suoi allievi. Nonostante possa sembrare poco, il
ricordo, io credo che sia qualcosa di inestimabile, perché ricordare significa
mantenere viva la persona che abbiamo nel cuore, noi vogliamo che i pensieri
di tutti gli studenti che l’hanno amata si uniscano per renderla ancora viva.
Grazie “.

Pubblicato giovedì, 29 Aprile 2021 @ 16:39:24     © RIPRODUZIONE RISERVATA