Sfatato il tabù rigori: il Santa Marinella batte 2-1 il Borgo Palidoro - Terzo Binario News

Dal dischetto decide Manuel Pagliuca al 35′ della ripresa

Il Santa Marinella rompe l’incantesimo dei calci di rigore, andando a vincere contro il Borgo Palidoro per 2-1 grazie a un tiro dal dischetto trasformato da Manuel Pagliuca al 36’ della ripresa, con le squadre sull’1-1.

Mai tanto provvidenziale la rete del numero 10, che vale il successo in una gara che i rossoblù non hanno giocato bene per giunta al cospetto di un avversario che non merita una classifica tanto severa.

Allo stadio Ivano Fronti piove e soffia un bel vento, che nella prima frazione aiuta i padroni di casa. Nicola Salipante prova a inventarsi qualcosa in formazione pur rimanendo fedele al 4-2-3-1, ovvero schierando fra i pali l’under Christian D’Archivio in porta, Converso retrocesso nel ruolo di terzino sinistro con La Morgia dalla parte opposta, centrali De Angelis e capitan Gallitano; in mezzo giostrano De Santis e Scudi, Pagliuca alto a destra, Cedeno a sinistra, Ferro a supporto del centravanti Belardinelli.

Al primo minuto è già vantaggio Santa grazie a Ferro che, raccolto un cross da destra di Belardinelli, è gelido davanti al portiere ospite Carloni e lo fredda in diagonale. Al 9’ ancora Ferro, direttamente su punizione, impegna Carloni. Ma chi crede che gli ospiti siano passivi, si sbaglia di grosso perché non rinunciano affatto alle sortite offensive, benché attacchino controvento. Così dopo due minuti è Zucchi a impensierire D’Archivio, però l’undici della Perla torna a pungere rischiando seriamente il 2-0: stavolta è Belardinelli che non aggancia per poco un bel traversone di Pagliuca, la palla rimpalla su Cedeno che per due volte non riesce ad insaccare. Dopo sei minuti è ancora Cedeno a provarci, ma la conclusione dal limite è alta sopra la trasversale. Ferro è ispirato e il duetto con Belardinelli al 33’ finisce con una conclusione deviata. Dalla bandierina, Pagliuca per Belardinelli che manca il bersaglio. Nella ripresa, gli uomini di Salipante calano leggermente, concedendo campo al Borgo Palidoro che non si fa pregare. I giallorossi mettono le tende nella metà campo avversaria e al 9’ pareggiano grazie alla conclusione comoda di Tubani dal limite dell’area che, senza pressione difensiva, ha il tempo di prendere la mira e piazzare la sfera all’angolino alla sinistra di un incolpevole D’Archivio. Il Santa Marinella accusa il colpo anche perché il meteo continua a peggiorare, il Borgo Palidoro gioca benino e la fatica si fa sentire. Non resta che affidarsi ai lanci dalla retroguardia che permettono alla squadra intera di prendere campo. Dopo qualche errore di misura ecco il fallo netto commesso da Albenzi ai danni di Cedeno. I cinque rigori su sei falliti fino adesso pesano e quel pallone sul dischetto sembra essere un macigno. Per tutti, tranne che per Pagliuca, unico finora a non fallire dagli undici metri. Rincorsa, rasoterra all’angolo sinistro del portiere, con Carloni che sceglie il lato opposto. Tre punti che valgono tantissimo per il Santa Marinella, ottenuti in sofferenza e che permettono di salire a 19 punti, mantenendo la quinta piazza solitaria. E domenica, sempre allo stadio Fronti, arriva il fanalino di coda Pianoscarano.
Alessio Vallerga

Pubblicato giovedì, 9 Dicembre 2021 @ 08:01:00     © RIPRODUZIONE RISERVATA