Settanni e Verni: "Santa Marinella si ricordi della strage di Capaci" - Terzo Binario News

In occasione dell’anniversario della strage di Capaci, in cui persero la vita il magistrato Giovanni Falcone, sua moglie, e gli agenti della loro scorta, vorremmo rivolgere un pensiero a quegli eroi che, oggi come non mai, dovrebbero fungere da esempio per tutti coloro che, a vario titolo, hanno a cuore le sorti del nostro Paese.

Come diceva proprio Falcone, “la mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e avrà quindi anche una fine”, ma per far ciò occorre quotidianamente, e sicuramente in queste ricorrenze, ricordare chi, per lottare contro di essa, è arrivato, con coraggio e coerenza, all’estremo sacrificio. Purtroppo, la miopia di certe politiche, nazionali e locali, attuate anche a seguito del Covid-19, sta esponendo il nostro tessuto sociale al pericolo di un rafforzamento delle organizzazioni criminali, che trovano nello stato di bisogno in cui sono sprofondate persone, famiglie ed imprese, il terreno fertile per fare proselitismo, da una parte, ed immettere il proprio denaro sporco sul mercato legale, dall’altra. Ciò, anche sfruttando quelle attività in cui le mafie hanno investito già da tempo e che oggi risultano altamente concorrenziali per i prezzi che sono in grado di offrire alle piazze, quali quelle legate alla filiera agro-alimentare o all’approvvigionamento di farmaci e di materiale medico-sanitario, o di quelle legate alla sanificazione ed allo smaltimento dei rifiuti.

Appena le condizioni sanitarie legate all’emergenza Coronavirus lo renderanno più sicuro, organizzeremo una fiaccolata, per ricordare in maniera ancora più visibile, e quindi concreta, questi eroi.

Nel frattempo, invitiamo tutti i cittadini ad esporre una bandiera italiana alle finestre, sui balconi, o nei giardini, perché è per essa, e quindi per tutti noi, che quelle persone sono morte e, tante altre, oggi, continuano a combattere.

Ci auguriamo che anche l’amministrazione comunale di S. Marinella decida di dar luogo, quanto prima, ad una commemorazione in tal senso, anche e soprattutto per lanciare un segnale ai giovani, per ravvivare in essi quelle “tensioni morali” (come le chiamava proprio Falcone) che, una volta uomini, potranno continuare a far camminare sulle loro gambe. Permettendo di arrivare, un giorno, a scrivere la parola “fine” su questo odioso fenomeno.

Cons. Francesco Settanni Avv. Marco Valerio Verni

Pubblicato venerdì, 22 Maggio 2020 @ 21:06:52     © RIPRODUZIONE RISERVATA