Scorie radioattive, Panunzi: "Incontro con le istituzioni locali" - Terzo Binario News

“Non sono favorevole all’ipotesi che la Tuscia possa ospitare il Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi italiani.

Ho parlato con il sottosegretario all’Ambiente Roberto Morassut e con l’assessore regionale alle Politiche abitative, Urbanistica, Ciclo dei Rifiuti e impianti di trattamento, smaltimento e recupero Massimiliano Valeriani, che mi ha espresso la contrarietà della Regione Lazio.Il presidente della Provincia di Viterbo Pietro Nocchi ha convocato l’11 gennaio, alle ore 11.30, una video conferenza con i sindaci, il sottosegretario Morassut e l’assessore Valeriani, per affrontare un tema molto importante per il territorio.

L’individuazione della aree idonee a ospitare il Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi italiani da parte della Sogin (Società incaricata della gestione del nucleare) era attesa da 5 anni e l’Italia risultava inadempiente.Nei prossimi 4 mesi andranno presentate le osservazioni e le controdeduzioni per dimostrare che, nella Tuscia, non ci sono le condizioni per ospitare un sito di stoccaggio: da quelle ambientali, con un territorio che ha già dato ospitando sul litorale a poca distanza le centrali elettriche di Montalto di Castro e Civitavecchia (Roma), a quelle paesaggistiche e colturali, con zone di notevole pregio naturalistico o a fortissima vocazione agricola; da quelle infrastrutturali, che non sono rispondenti a un trasporto sicuro di questo tipo di rifiuti, a quelle culturali e artistiche, da sempre un vanto della provincia di Viterbo.Ci sono quindi tutti gli elementi per far valere le giuste istanze delle comunità locali, che esprimono la loro preoccupazione. Ribadisco la mia contrarietà e seguirò con molta attenzione l’evolversi delle vicenda. 

Pubblicato martedì, 5 Gennaio 2021 @ 14:24:15     © RIPRODUZIONE RISERVATA