Il corpo è nell’obitorio di Bracciano. Per i proprietari dei cani potrebbe scattare l’accusa di abbandono di animale e di omicidio colposo

Si farà l’autopsia sul corpo di Paolo Pasqualini, l’uomo di 39 anni morto, probabilmente sbranato da tre rottweiller la mattina di domenica mentre passeggiava nel bosco di macchia grande a Manziana.

A disporla, per chiarire in modo inequivocabile le cause della morte, il magistrato della procura di Civitavecchia, che ha aperto un fascicolo con le ipotesi di reato di abbandono di animali e omicidio colposo.

Il corpo della vittima si trova ora nella camera mortuaria dell’ospedale di Bracciano. solo dopo l’autopsia sarà possibile celebrare i funerali.

In quel giorno a Manziana sarà lutto cittadino. Sul tavolo del sostituto procuratore di Civitavecchia intanto e’ arrivata  una prima informativa dei carabinieri, che hanno ricostruito i fatti e raccolto alcune testimonianze, a partire da quelle della donna che ha lanciato l’allarme e dell’ allevatore che  ha trovato il corpo esanime dell’uomo ed ha scacciato con un bastone i tre cani.

I molossi si sarebbero allontanati da una villetta vicina. I proprietari rischiano di finire nel registro degli indagati innanzitutto per l’abbandono di animali e questo potrebbe anche indurre la Procura a procedere per il reato di morte come conseguenza di altro reato, ovvero la mancata custodia dei tre cani, i quali sono stati sottoposti a sequestro giudiziario e si trovano in una struttura veterinaria della zona.

Fonte, RaiNews24

Pubblicato martedì, 13 Febbraio 2024 @ 08:59:46     © RIPRODUZIONE RISERVATA
Exit mobile version