Roma-Viterbo, viaggi da incubo sulla 'gommovia': al vaglio l'esposto alla Procura e alla Corte dei Conti - Terzo Binario News

di Claudio Bellumori

“Stiamo raccogliendo tutte le lamentele di disservizi di questi giorni per fare intanto un esposto Alla Procura e alla Corte dei Conti”. Così Fabrizio Bonanni del Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord. Diverse le segnalazioni giunte in questi giorni da parte degli utenti. Un copione peraltro che si è ripetuto anche nella mattinata di mercoledì 18 settembre. C’è Mirko che ha evidenziato: “A Montebello il treno delle 8 arriva alle 8.06 e parte alle 8.08. Come troppo spesso accade i treni sono sulla carta e nella realtà ritardi e accorpamenti riducono il numero delle corse”. Marina ha sottolineato: “Stazione di Rignano Flaminio ore 8,57: tabellone spento, stazione non presidiata” e Loredana è sbottata: “Siamo al completo delirio: il treno extra urbano che purtroppo da Montebello diventa urbano fermo a Saxa Rubra perché non riesce a chiudere le porte per la troppa gente. Vergognatevi. Tra due minuti dovrebbe essere a Flaminio”.

“L’esposto è principalmente associato al fatto che né Regione Lazio e né Atac hanno tenuto conto delle necessità dell’utenza pagante che usa la linea e hanno concordato un orario palesemente inadatto alle nuove esigenze di mobilità di Roma Nord (e della provincia di Viterbo) – ha commentato Bonanni – il servizio attuale è per un terzo erogato da autobus, non da treni. Un autobus non sostituisce un treno e quest’orario attuale è addirittura peggiore di quello dello scorso”.

Lo stesso Fabrizio Bonanni, nei giorni scorsi, aveva detto: “Pensavamo che non si potesse far di peggio rispetto a quanto tirato fuori da Atac il 4 settembre in Regione, davanti a tutti i sindaci dei Comuni a nord di Roma, fino a Viterbo e invece hanno combinato un guaio enorme che pregiudica la fruizione del servizio. Viterbo è praticamente isolata e sembra di raccontare un bollettino di guerra, ma purtroppo non dipende da noi.

“Avevamo chiesto all’assessore regionale ai trasporti di rendersi utile per migliorare il servizio dei pendolari della nostra linea dando una sistemata all’orario di servizio per la tratta extraurbana – ha continuato – e invece è stato appena pubblicato sul sito Atac l’orario definitivo ufficiale che entrerà in vigore lunedi 16 settembre”.

“Che possiamo dire? Viterbo praticamente isolata dalle 18.21, disattese tutte le indicazioni fornite dai sindaci, non presa in considerazione la proposta di nuovo orario inviata da questo comitato e dall’associazione TrasportiAmo a Regione Lazio e Atac. Riepilogando, ci saranno meno corse totali rispetto allo scorso orario invernale, più autobus sostitutivi, pezzi e bocconi di treno che partono da Catalano, da Montebello, da Sant’Oreste e da Rignano. Buchi giganteschi d’orario a discapito di studenti e lavoratori. Un orario infame”.

Pubblicato mercoledì, 18 Settembre 2019 @ 10:04:04     © RIPRODUZIONE RISERVATA