Rifiuti, Ascani: "Non ci risultano mappe da Città Metro" - Terzo Binario News

” Ho iniziato un po’ per gioco con un post su Facebook sulla questione rifiuti, facendo una domanda con ironia agli amministratori dei 121 comuni della Città metropolitana di Roma Capitale: il governo metropolitano ha detto che la Mappa consegnata alla Regione riporta le aree indicate dai Comuni. Comuni vi risulta? Avete indicato voi?”. Così, in una nota Federico Ascani, capogruppo in Città Metropolitana de Le Città della Metropoli .

“Non sono mancati i commenti di molti amministratori che sono andati a confermare le mie perplessità su quanto sostenuto dalla Città metropolitana – ha continuato – il primo a rispondere è stato il vicesindaco di Rignano Flaminio, Vincenzo Marcorelli, con un secco “No” e che afferma di aver appreso con stupore, come molti di noi, quanto riportato da Tg e alcuni quotidiani. E che una cartografia che la Città metropolitana ha inviato già nel 2017 e alla quale, come Comune, presentarono alcune osservazioni in merito per chiederne rettifica, in quanto trattavasi di zone con una serie di vincolistica presente (in termini tecnici, con fattori non escludenti del tutto ma comunque condizionanti). Nella determina della Città metropolitana delle loro osservazioni non si fa menzione, ma afferma che cosa più assurda è appunto l’aver letto che una nota della sindaca Raggi attesterebbe che la mappa è la risultante delle scelte dei Comuni dell’area metropolitana. Quanto di più falso! Rignano non ha mai indicato nulla in tal senso.
Arriva poi il commento del viceSindaco di Cerveteri, Giuseppe Zito, che commenta il post con un sarcastico “Poveri noi”, chiaramente riferito all’amministrazione della Città metropolitana. È il turno poi di Santa Marinella: interviene il Vice sindaco Andrea Bianchi… anche a lui non risulta”.


“Giunge anche la voce dei Municipi romani – ha proseguito – dal XV Daniele Torquati, consigliere, dice “il nulla”. Un’importantissima testimonianza arriva dal Comune di Fiumicino, dove la consigliera Paola Magionesi dice: Non mi risulta. Fiumicino ha presentato nel 2017, e rinviata più volte, una deliberazione (n°59) che documentava i vincoli ambientali, idrogeologici e di difesa del territorio presenti nella zona di Pizzo del Prete. Analogamente la Sovrintendenza con nota 147234/2017 evidenziava i vincoli archeologici cui è sottoposta la zona. Città metropolitana non ha tenuto conto di nulla”.


“Proseguendo poi sul litorale nord di Roma – ha insistito Ascani nel comunicato – il Comune di Ladispoli interviene col suo sindaco Alessandro Grando, pronto a ribadire con forza, che la sua amministrazione non ha indicato proprio un bel nulla. Ci spostiamo ancora nella zona più interna, dove la consigliera di Bracciano, Chiara Mango, non crede naturalmente che Bracciano si sia proposta.  Sono intervenuti poi anche cittadini, alcuni direttamente come Rinaldo che hanno commentato con ironia o altri con messaggi privati, preoccupati, che hanno chiesto maggiori dettagli. E a quel punto ho allegato anche le ‘mappe misteriose’. Non sono mancati infine interventi di comitati e associazioni, come quello di Olimpia da Manziana, sempre sulla stessa linea”. 

“Ora, dopo questo bel resoconto, possiamo rispondere all’affermazione del Movimento 5 Stelle in Città Metropolitana, con ‘a noi non risulta’. Non ci risulta che siano stati i Comuni a indicare quei luoghi, non ci risulta che siano state recepite fino in fondo le istanze dei comuni. O per lo meno non possiamo accettare questa sintesi”.

“Ma oltre il danno, la beffa – ha incalzato Ascani – perché nonostante questo, la Città metropolitana cosa fa? Presenta questa mappa nel loro nome, come se fosse totalmente la scelta dei Comuni. Emerge chiaramente che, o si sono impazziti tutti (amministratori dei vari territori e delle varie appartenenze politiche) o qualcuno ha lavorato in modo poco chiaro, non volendo portare il dibattito in aula. Un dibattito democratico che abbiamo chiesto in tutti in modi e che avrebbe permesso di dare veramente voce a tutti i comuni”.

“Ma perché non è stato mai voluto? Ma che problemi poteva creare un’occasione di dibattito – ha domandato – anche solo per chiarire argomenti così importanti?”.

Pubblicato lunedì, 14 Gennaio 2019 @ 12:21:21     © RIPRODUZIONE RISERVATA