Pallanuoto, fantastica l'annata della giovane SNC: la soddisfazione di Checchini e Muneroni - Terzo Binario News

di Simone Dell’Uomo

Sorrisi e soddisfazione in casa SNC Civitavecchia, una società che nonostante la doppia sconfitta col Quinto in semifinale play-off ha disputato una stagione straordinaria. Straordinaria soprattutto per la scelta della società, quella di puntare sui giovani, i tantissimi giovani Under 20 che hanno dimostrato di saper giocare eccome a questi livelli.

Un quarto posto in campionato inaspettato, la vittoria del nucleo verde civitavecchiese, composto da tanti ragazzi che 12 mesi fa riportarono Civitavecchia tra le prime 4 squadre italiane Under 20. Tra questi Leonardo Checchini e Marco Muneroni, due colonne di quel team, ormai elementi definitivamente lanciati in A2 da Marco Pagliarini. Ragazzi che stanno crescendo insieme, veri amici prima che compagni di squadra rossocelesti.

Un’annata positiva, abbiamo fatto molto bene – spiega Marco Muneroni – Sono molto contento per le prestazioni di squadra, anche perchè venivamo da una stagione molto complicata, finita tra diverse partenze importanti. Sono usciti fuori diversi giovani, non posso che essere soddisfatto”.  

“Ad inizio anno si respirava un’aria strana – sostiene Leonardo Checchini – c’era chi sosteneva che saremmo sprofondati, altri che pensavano avremmo offerto prestazioni migliorati. Ci siamo rimboccati le maniche, abbiamo lavorato duro e con grinta e determinazione siamo riusciti ad ottenere i primi risultati. Pian piano abbiamo acquisito fiducia nei nostri mezzi, e giocando a viso aperto abbiamo conquistato persino un posto ai play-off”.

Checchini, Muneroni e lo stesso Caponero rappresentano motivo di ispirazione per i ragazzi più giovani che muovono i primi passi in prima squadra, perchè dimostrano come passione, impegno e sacrificio portino grandi risultati. Ragazzi che compiono davvero sacrifici enormi per cullare il loro sogno, attraverso faticosissime doppie sedute sia all’alba che in tarda serata. Checchini esplose già due anni fa grazie al super poker di Bogliasco, quando le sue giocate terrorizzarono il Quinto in finale play-off; Marco Muneroni continua a crescere grazie a grinta, dedizione, cattiveria agonistica. Sarà un giocatore di quelli che catturano cuore e passione dei propri sostenitori: il suo è un lavoro oscuro, un lavoro di lotte e battaglie coi centri avversari, un lavoro che non tutti riescono a notare fino in fondo ma che resta straordinariamente fondamentale per i suoi compagni di squadra.

“Dal punto di vista personale sono contento di aver conquistato la fiducia dell’allenatore, ho giocato molto di più – spiega Marco – Durante le passate stagioni non riuscivo a trovare la vasca con continuità, ero molto giovane e nel mio ruolo giocava gente come Zanetic e Iula, esperti marcatori. Grazie al lavoro di squadra siamo riusciti a difendere bene, molto compatti. Sono cresciuto sotto diversi aspetti, ma devo migliorare la fase offensiva”. 

Un’altra grande annata per Leo Checchini, contraddistinta da giocate di qualità e grandi statistiche. 48 gol nel girone sud, uno dei migliori marcatori del sette di Pagliarini.Sono molto soddisfatto delle mie prestazioni, soprattutto per quanto offerto durante la regular season – conclude il numero 11 – Ai play-off potevo fare qualcosa di più, per questo non voglio fermarmi, spero di fare ancora meglio a partire dalla prossima stagione”. 

Pubblicato mercoledì, 13 giugno 2018 @ 18:45:27     © RIPRODUZIONE RISERVATA