Morte Imen Chatbouri: fermato sospettato, è un 29enne - Terzo Binario News

Fermato il sospettato per la morte della giovane tunisina, Imen Chatbouri, avvenuta il 2 maggio scorso. È stato eseguito dalla Polizia il fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, a carico di C. S. I. , nato in Romania nel 1993.

Il cadavere della donna venne trovato sulla banchina del Tevere nei pressi di Ponte Sisto. Le indagini, portate avanti dagli investigatori della Squadra Mobile e del commissariato Trevi, anche grazie alle immagini di video sorveglianza della capitale, hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti di C. S. I.  

L’uomo, al termine di una serrata attività, cui ha partecipato attivamente anche il personale dell’Ufficio Prevenzione Generale Soccorso Pubblico della Questura, che si era concentrata nel quadrante nord-ovest della città, zona individuata dagli investigatori poiché frequentata dal romeno, è stato fermato in via Anastasio II mentre camminava in strada. Al termine delle operazioni di rito C.S.I. verrà trasferito nel carcere romano di Regina Coeli.

Pubblicato lunedì, 13 Maggio 2019 @ 08:21:12     © RIPRODUZIONE RISERVATA