Mancata raccolta rifiuti utenze non domestiche: la Procura apre un'inchiesta - Terzo Binario News

La Procura ha aperto un’inchiesta in merito alla mancata raccolta dei rifiuti delle utenze non domestiche denunciata da un servizio de Le Iene. Già il Comune, in mattinata, aveva precisato in una nota: ““La sindaca Virginia Raggi ha dato mandato agli uffici di Roma Capitale di presentare un esposto presso la Procura della Repubblica in relazione ad una presunta truffa verificatasi nella raccolta dei rifiuti delle cosiddette “utenze non domestiche” come bar, ristoranti ed attività commerciali”.

Nel corso della trasmissione televisiva è stata raccolta una testimonianza che affermava: “Voglio denunciare una truffa che avviene ai danni dei cittadini romani per quanto riguarda la raccolta differenziata dell’immondizia”. E ancora: “Noi usciamo per la Roma Multiservizi come operatori per raccogliere la differenziata all’interno delle utenze non domestiche e questo non avviene, perché uscendo di notte molte utenze sono chiuse“.

Nel dettaglio è stato spiegato: “Ognuno di noi attacca alle 22, si mette sul camioncino e va nel quartiere assegnato. Ci fermiamo davanti ai ristoranti, ai bar alle tavole calde e dobbiamo raccogliere l’immondizia. Ognuno di noi deve raccogliere chi metalli e plastica, chi deve raccogliere cartone, chi organico e queste cose non le facciamo mai, perché noi scendiamo dal camioncino, andiamo con il nostro palmarino sul muro del ristorante, del bar che sia. Subito all’entrata c’è un codice a barre, noi lo beggiamo e risulta all’Ama che noi abbiamo ritirato il rifiuto. L’Ama paga la Multiservizi ma noi il rifiuto, fisicamente, non l’abbiamo mai preso. Noi usciamo di notte. E la notte l’80% sono chiusi”.

Pubblicato mercoledì, 9 Ottobre 2019 @ 19:20:02     © RIPRODUZIONE RISERVATA