Ladispoli, le mozioni pentastellate su ambiente e sociale - Terzo Binario News

Le mozioni e le interrogazioni sono lo strumento con cui i partiti ed i movimenti politici possono promuovere e portare avanti questioni importanti per la cittadinanza e per il territorio.

Il Movimento 5 Stelle continua ad utilizzare questi importantissimi strumenti presentando al prossimo Consiglio Comunale di fine novembre 4 mozioni e un’interrogazione.

Gli interventi riguardano la partecipazione al bando regionale per le piste ciclabili, che permetterebbero un minore utilizzo dei mezzi a motore per gli spostamenti con relativo miglioramento della qualità dell’aria e benessere fisico per i cittadini; il riciclaggio e il riuso della plastica – uno dei principali temi ambientali a livello internazionale –; l’introduzione dell’istituto delle donazioni di piccoli arredi urbani commemorativi, gesto altruistico a beneficio del patrimonio dell’intera collettività; l’adozione del Baratto Amministrativo, rivolto ai cittadini in forti difficoltà economica che risultano morosi nei confronti del Comune e che possono mettere a disposizione la loro forza lavoro per migliorare il decoro della città come controparte economica; il richiamo alla eliminazione della pratica della “capitozzatura”, cioè il taglio di rami e foglie che riducono l’albero ad una sorta di palo informe, pratica peraltro già vietata a Ladispoli in quanto dannosa per le piante che favorisce una ricrescita dei rami con minore stabilità e a rischio di schianto, ma correntemente utilizzata dalle ditte che lavorano sulle alberature pubbliche.

Di seguito un focus sulle varie tematiche presentate.

Mozioni:

– Manifestazione d’interesse a partecipare alla realizzazione di piste ciclabili sul territorio nazionale

Tutti i comuni del Lazio possono partecipare al bando per la realizzazione di nuove piste ciclabili e per mettere in rete quelle esistenti. La domanda va presentata entro 60 giorni a partire dal 22/11/2018. Serve una rapida manifestazione d’interesse da parte della nostra Amministrazione per poter aderire.

– Plastic Free

Il Ministro dell’Ambiente, Generale Sergio Costa, ha lanciato la campagna di sensibilizzazione “Plastic Free” (sulle orme delle disposizioni europee), ponendo come obiettivo quello di eliminare la plastica a partire dagli articoli monouso, che rappresentano la maggior parte dei rifiuti plastici, ed uno dei maggiori inquinanti del terreno e del mare. Le istituzioni devono essere il primo esempio per quanto riguarda i comportamenti virtuosi, al fine di sensibilizzare la cittadinanza. Per questo è importante intraprendere un percorso che porti alla rimozione di tutta la plastica monouso dagli uffici comunali, comprese le sale conferenze e i centri civici e promuovere una campagna di informazione e sensibilizzazione per i dipendenti comunali e nelle scuole.

– Donazione “In memoria di”
Nel nostro territorio sono sorti, in maniera spontanea e sporadica, piccoli angoli dedicati al ricordo di propri cari scomparsi; è il caso di regolamentare tale fenomeno e dare la possibilità a tutti i cittadini di ricordare i propri cari scomparsi attraverso donazioni di piccoli arredi urbani (panchine, alberi, aiuole, spazi verdi ecc) tramite l’apposizione di piccole targhe commemorative.

Serve ora redigere un regolamento che permetta di portare avanti l’iniziativa di donazioni ”in memoria di” tramite la pubblicazione di regolare bando annuale che preveda l’elenco degli arredi da donare e la loro dislocazione.

– Baratto Amministrativo

La crisi economica degli ultimi anni ha colpito in maniera intensa anche Ladispoli, che ha visto purtroppo aumentare considerevolmente il numero dei disoccupati e delle famiglie che faticano ad arrivare alla fine del mese e di conseguenza ad onorare i pagamenti dei tributi dovuti con conseguenti notevoli criticità nel recupero del gettito erariale.

La Legge dello Stato 11 novembre 2014, n. 164, conversione in legge, con
modificazioni, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, prevede che i comuni possono definire la realizzazione di interventi (di manutenzione ordinaria, pulizia e vigilanza dei parchi, giardini ed aiuole e dei luoghi pubblici, assistenza alle scolaresche, sgombero neve, ecc.) su progetti presentati da cittadini singoli o associati, e che in relazione a questi interventi possono deliberare riduzioni o esenzioni di tributi per un periodo limitato e definito di tempo. Il M5S chiede di mettere in atto quanto sopra, prevedendo delle norme specifiche nei regolamenti tributari, al fine di permettere ai Cittadini che si trovino in condizioni di difficoltà economica e/o lavorativa di usufruire di tale opportunità.

Interrogazione.
– Capitozzature delle alberature urbane
Il Regolamento comunale per la tutela del verde e delle alberature in vigore dal 2001, vieta la capitozzatura delle alberature pubbliche, ma nonostante questo divieto, la pratica è utilizzata in molte le vie cittadine (es Viale Italia), da parte della ditta incaricata delle potature. Il M5S ha deciso di interrogare l’Assessore De Santis sul perché siano state autorizzate le capitozzature e quali provvedimenti intendere prendere nei confronti di chi ha autorizzato tali lavori e delle ditte che hanno causato in tal modo un danno alla comunità.

5 Stelle  Ladispoli

Pubblicato mercoledì, 28 Novembre 2018 @ 11:53:31     © RIPRODUZIONE RISERVATA