"Ladispoli come la terra dei fuochi": cittadini esasperati per i miasmi - Terzo Binario News

di Francesco Scialacqua

Puzza di plastica bruciata al Miami, al Cerreto, fino ai Monteroni. I cittadini di Ladispoli sono esasperati da un fenomeno del non si viene a capo.

Le lamentele dei cittadini per le condizioni dell’aria in città sono ormai continue ed esasperate. Per alcuni i fuochi vengono accesi in zona Pizzo del Prete, per altri invece nelle zone lungo il fiume Vaccina. Fatto sta che al momento nessuna autorità è riuscita a risalire alla fonte dell’odore diffuso che, soprattutto nelle ore serali, rende l’aria irrespirabile.

Qualche anno fa i Vigili del Fuoco sono intervenuti in zona Caere Vetus per spegnere un incendio lungo la ferrovia. Dall’intervento si scoprì un vero e proprio deposito di rame ricavato da rifiuti bruciati proprio per separare il metallo dalla plastica. Un episodio che tanti ritengono possa essere della stessa natura di quelli che generano questa insostenibile situazione. E proprio l’odore di plastica fa temere ai cittadini che in quella puzza si possono nascondere sostanze pericolose come la diossina.

Ormai in coro sui social commentato “Ladispoli come la terra dei fuochi”.

Pubblicato giovedì, 10 20 Ottobre19 @ 10:00:49     © RIPRODUZIONE RISERVATA