La Pro Loco Tolfa: "Bagnarello in condizioni pietose" - Terzo Binario News

“Dopo varie segnalazioni mi sono recato di persona al Bagnarello. Tutti i tolfetani sono affezionatissimi “all‘acqua calla” fa parte della storia e cultura paesana. Solo la bellezza straordinaria del luogo è riuscita un poco a lenire il dolore e la delusione nel vedere il sito termale in uno stato di trasandatezza dove rifiuti di ogni tipo, l’incuria e addirittura alcuni orrendi murales sbattuti contro i blocchi di travertino che da secoli testimoniano la storia geologica delle sorgenti termali, offuscano la vista e stoppano ogni relax e di felicità nel bagnarsi nelle salutari acque. Bottiglie, lattine, cicche di sigaretta, pacchetti vuoti di sigaretta, pezzi di candele, fazzoletti, slip, maglie intime, fazzoletti igienici di vario tipo, dispositivi per la prevenzione, ciabatte da mare, carte di caramelle, buste di plastica, contenitori di detersivi etc. Una discarica in miniatura. Lo sfalcio delle erbe ha mostrato ciò che si celava al di sotto di esse.

La vista di tale abbandono e dello scempio alle rocce di travertino è spiacente e disdicevole ma ciò che più preoccupa sono le precarie condizioni igienico sanitarie del luogo.
Faccio quindi appello alle Autorità Sanitarie e agli Enti proprietari del terreno ove è ubicato il sito di volersi attivare affinché siano rispettate e garantite le condizioni igienico sanitarie. Mai arrivare alla chiusura, ma non si più tollerare una situazione di potenziale pericolo.

La Pro Loco Tolfa, che presiedo, potrebbe collaborare al fine di una gestione congiunta, senza scopi di lucro, garantendo a tutti un uso continuo e sicuro delle acqua termali anche nell’ottica che il Bagnarello diventi un polo di attrazione turistica. Il dibattito è aperto”.

Dr Marcello Chiavoni
Presidente Associazione Pro Loco Tolfa

Pubblicato mercoledì, 24 Giugno 2020 @ 18:27:10     © RIPRODUZIONE RISERVATA