Impianto Ama Maccarese, Antonelli: "Da Roma nessun incontro, solo decisione unilaterale di raddoppio" - Terzo Binario News

“La decisione del Comune di Roma di raddoppiare l’impianto di trattamento dell’umido di Maccarese è una doccia fredda”. Lo ha dichiarato la consigliera comunale Erica Antonelli, che fin dall’inizio ha seguito il problema legato alla trasferenza dei rifiuti presso l’impianto, in seguito alle dichiarazioni rilasciate ieri dall’assessore capitolino Montanari.

“Da quando ci siamo insediati – spiega la consigliera – l’impianto Ama di Maccarese ha rappresentato un problema in crescendo, seguito passo passo dalla Commissione Ambiente. Si rinnovavano le proroghe provinciali per la trasferenza, aumentavano i quantitativi e i camion in transito; infine la concessione regionale dell’autorizzazione integrata ambientale (AIA) che dava l’ok alla trasferenza fino alla realizzazione dell’impiantistica di Rocca Cencia, progetto ora tramontato con la Giunta Raggi. Mentre la politica romana decide di fare e disfare, a noi, a Maccarese, restano il percolato, la puzza, le buche sulla strada, il traffico dei camion, l’inquinamento, la riserva naturale violata, le prescrizioni all’AIA completamente disattese e più volte sollecitate.

Come disatteso – prosegue la consigliera – è stato l’incontro che formalmente avevamo richiesto al Presidente della Commissione Ambiente Capitolina Diaco, proprio per affrontare insieme la problematica, per trovare soluzioni comuni. Ieri, però, la notizia: l’assessore all’ambiente di Roma annuncia di voler raddoppiare l’impianto. Così, senza neanche un minimo confronto con il nostro territorio, senza considerare il fatto di trovarsi in zona di riserva naturale, a vocazione agricola. Un’altra decisione unilaterale che la popolazione di Maccarese non può accettare”.

 

Pubblicato mercoledì, 1 Febbraio 2017 @ 12:51:07     © RIPRODUZIONE RISERVATA