Il presidente del Canale Calcio Vico: "Rispettati alla lettera i protocolli Covid" - Terzo Binario News

La critica del numero uno: “Non si capisce a chi bisogna dar retta”

Il presidente del Canale Monterano Calcio Angelo Vico prende la parola in merito alla questione Covid che ha raggiunto la squadra di Promozione che dirige. Ad oggi ci sono due casi accertati, motivo per cui le partite di domenica e del 18 ottobre sono state rinviate.

Motivo anche di preoccupazione questo per Santa Marinella e Tolfa, con i rossoblù che sono stati gli avversari dei canalesi domenica scorsa.

Preoccupazione sì ma senza che nessuno abbia l’indice verso il sodalizio gialloblù, che si ritrova in quarantena e senza sapere quando verranno effettuati i tamponi di controllo.

“Quello del Covid è un dramma di tutto il territorio e ricercare cause o responsabilità è difficile – spiega Angelo Vico – con la Asl Roma 4 che si è mossa immediatamente attraverso la d.ssa Ursino e la d.ssa Sposato. Entrambe hanno attivato tutti i canali di procedura”.

Il presidente gialloblù ripercorre le tappe della vicenda: “Il 4 ottobre a Canale si è giocato al D’Aiuto contro il Santa Marinella e in quell’occasione non avevamo alcuna ufficialità di casi Covid. Il Sisp della Roma 4 è intervenuto il 5 ottobre tramite la Sposato, recapitandoci una mail circa un caso di positività. La conseguenza è stata l’isolamento domiciliare e test rapido per squadra e staff. Abbiamo avvertito il sindaco Bettarelli che si è adoperato subito con l’ordinanza comunale 18 del 5 ottobre che ha imposto la chiusura dell’impianto del D’Aiuto, in attesa della sanificazione del campo, già effettuata da una ditta privata che ha rilasciato la certificazione”.

“Il 6 ottobre il Sisp ha comunicato un altro caso di positività e pertanto è stato applicato il protocollo sanitario fino al 16 ottobre. Vorrei sottolineare che Io tutelo la ssd Canale Monterano e il buon nome del paese: noi abbiamo aderito perfettamente al protocollo Figc. Il Comitato regionale ha pubblicato un vademecum di appena 6 pagine ma non c’è nessuna indicazione su sintomi e positività e il modo di comportarsi. Per questo il 5 ottobre avevo già avvertito la Lega in via ufficiale”.

Poi una sottolineatura che delinea la difficoltà un cui si trovano i canalesi: “In 33 siamo chiusi in quarantena preventiva da lunedì, in attesa di non si sa cosa. La Asl non ci ha detto ancora nulla circa l’effettuazione dei tamponi. Per questo dico che è quanto mai indispensabile che Asl e Lega studino un protocollo per vedere se ci sono le condizioni per poter andare avanti e capire se la regolarità dei campionati possa essere garantita.

Ad oggi non sappiamo a chi dare retta se al Ministero della Salute o dello Sport, pertanto mi chiedo perché non siano state veicolate notizie corrette. Mi sembra questo il classico caso di un pasticcio all’italiana. Non è questa la direzione giusta, va trovata una soluzione condivisa ma temo che pallone è ormai sgonfio” la concisione del presidente del Canale Monterano Calcio Angelo Vico.

Pubblicato sabato, 10 Ottobre 2020 @ 17:49:01     © RIPRODUZIONE RISERVATA