Gemellaggio fra Cerveteri e Ladispoli con l’Olanda attraverso la pallanuoto - Terzo Binario News

“Certe volte accadono cose che sembrano essere casuali e invece c’è un filo sottile che le collega……

………Qualche giorno fa, esattamente il 29 maggio, un gruppo di atlete e di atleti della squadra di pallanuoto MZPC De Reest, proveniente dalla cittadina di Meppel in Olanda, accompagnati dai loro allenatori e qualche genitore, sono arrivati in Italia per incontrare gli atleti della squadra di pallanuoto del Village Fitness di Valcanneto a Cerveteri.

Un incontro insolito per delle squadre di pallanuoto che si trovano in piccoli comuni, quello di Cerveteri in provincia di Roma e quello di Meppel nella provincia del Drenthe, nato per caso in un pomeriggio di giugno del 2017 quando, in occasione della visita del figlio di nostri amici di Hoogeveen, ci incontriamo al Village con Alessandro, l’allenatore della squadra di pallanuoto per gli ultimi impegni sportivi della squadra che anticipano la fine della stagione sportiva. 

Ma come nasce questa iniziativa, come hanno fatto due squadre così lontane ad incontrarsi per un torneo di pallanuoto senza avere alle spalle dei club importanti? 

Il segreto è presto svelato: nel 2012 il mio compagno Fabio con il figlio Davide partecipano ad un progetto scolastico tra la scuola Corrado Melone di Ladispoli e la scuola De Krullevaar di Hoogeveen.

Già, perché il Dirigente Scolastico della scuola Corrado Melone di Ladispoli, Prof. Riccardo Agresti ha il pallino degli scambi culturali con altri paesi europei, e l’idea che così davvero, oltre ad imparare le lingue, c’è la conoscenza di altre culture e il superamento di quei confini mentali che spesso ci danno una visione ristretta di ciò che è oltre i nostri orizzonti.

E come dargli torto? Un gemellaggio, quello del 2012, che si è rilevato vincente nel tempo perché le famiglie italiane e olandesi, che hanno aderito al progetto, sono rimaste in contatto grazie ad una inaspettata amicizia che li ha legati nel tempo.

Nonostante la difficoltà di comunicazione per la poca conoscenza della lingua inglese, che caratterizza noi italiani, e l’impegno che il gemellaggio comporta, le famiglie italiane e olandesi hanno decretato il successo dell’iniziativa superando i confini culturali ed integrandosi tra loro.

Negli anni successivi sono state create nuove opportunità di incontro durante le vacanze che hanno dato la possibilità di approfondire l’amicizia. Adesso che i ragazzi/e stanno crescendo hanno avuto modo di vedersi anche senza i genitori e condividere esperienze differenti ma forse anche un po’ uguali, perché in fondo ci sono molte cose in comune oltre ad essere cittadini Europei.

Il racconto di quella esperienza si era così colorato delle emozioni vissute sin dal primo viaggio e la voglia di continuare a mantenere un legame con l’Olanda ha lasciato spazio a idee e progetti fantasiosi, immaginando orizzonti e opportunità inesplorati, che hanno coinvolto anche l’allenatore, creando così quella miscela esplosiva giusta per sognare uno scambio sportivo di pallanuoto tra i piccoli club di Italia e Olanda che in quel momento erano del tutto inimmaginabili.

Quel sogno, quella idea del nostro allenatore, e il desiderio di tornare nel paese dove “anche le mucche sono felici” ha cominciato a prendere forma nella mente di Fabio, che da lì a pochi mesi, dopo aver avviato i contatti con la famiglia di Eric e Bianca era pronto per partire per Hoogeveen ed incontrare i rappresentanti del club di Meppel: Roy, Rutger, Manoon, Dick, Nico, e Richard.

Alla fine di ottobre del 2018, tra l’incredulità di molti genitori e dello stesso allenatore, il club di pallanuoto del Village è partito per Meppel per un piccolo torneo.

Il team di pallanuoto di Meppel è venuto per un nuovo torneo con il Village, che ha visto la partecipazione anche della squadra SNC di Civitavecchia.

I tre giorni di soggiorno in Italia sono stati pieni di sport e non solo, le squadre hanno condiviso bellissimi momenti che hanno coinvolto i ragazzi del Village ma anche le loro famiglie.

È stata per tutti una bellissima esperienza, posso affermare molto impegnativa per chi la organizza, ma impagabile per la felicità dei ragazzi, e ci auguriamo di poterla ripetere anche il prossimo anno.

Grazie a tutti.

Maria Luisa Magliocca (mamma di un ragazzo dell’U13 del Village)

Ringraziamenti: Alessandro Bettini, Alessandro Trivisondoli, BarrelOsteria del Borgo (Cerveteri),Francesco Iacovelli, la famiglia Scalchi, tutto lo staff del Village, il RistoVillage, i ragazzi del Village e le loro famiglie, tutto il club MZPC De Reest di Meppel, famiglia Te Velde

Pubblicato mercoledì, 12 Giugno 2019 @ 23:47:06     © RIPRODUZIONE RISERVATA