Dedicato a Riccardo Rinaldi il "cencio" del 56^ Palio delle Contrade di Allumiere • Terzo Binario News

Lo stendardo, che andrà ai vincitori, vuole ricordare il creatore della manifestazione scomparso a maggio. Scelto dalla commissione il bozzetto dell’artista Simona Sestili. Sarà presentato il 15 agosto

Ad Allumiere c’è sete di Palio.

Dopo due anni di stand by, che per addetti ai lavori e amanti della kermesse è sembrato un tempo infinito, in collina tutti scalpitano per veder tornare in pista i diciotto somarelli delle sei contrade Burò, Ghetto, La Bianca, Nona, Polveriera e Sant’Antonio, preceduti come sempre da corteo storico e sbandieratori.

In attesa dell’evento vero e proprio, che si svolgerà domenica 21 agosto attorno alla Fontana Tonda, in collina già da tempo si respira a pieni polmoni questa magica atmosfera pre Palio, sia attraverso le sagre rionali sia attraverso la crescente attesa del “cencio”, dipinto anche per questa 56esima edizione dall’artista Simona Sestili.

Sebbene verrà mostrato ufficialmente il prossimo 15 agosto durante la “Notte del Palio”, felice intuizione dell’associazione “Eureka”, nel corso di una conferenza stampa (foto in alto) è stato chiarito dalla stessa artista e dalla delegata alla Cultura, Francesca Scarin, che il drappo raffigurerà quest’anno il compianto Riccardo Rinaldi, il geniale sindaco scomparso lo scorso maggio che nel 1965 inventò la storia di Agostino Chigi, della visita in collina dei nobili senesi al ricco banchiere annoiato e alla corsa di somari per far divertire i ragguardevoli ospiti.

Il tema del cencio, proposto dalla commissione cultura in carica, è stato molto apprezzato dalle figlie Anna e Antonella Rinaldi, quest’ultima anche parte della giuria che ha valutato i bozzetti in gara e che ha decretato unanimemente la vittoria della Sestili.

Trentacinque anni e mamma della bellissima Diana, Simona Sestili è un’artista tolfetana molto nota in collina, in quanto ha già avuto l’onore e l’onere di dipingere cinque Palii precedenti più quello straordinario corso in occasione della 50esima edizione.

“E’ per me un’enorme soddisfazione, nonché un grande privilegio – ha detto l’artista – poter dipingere questo cencio, dedicato proprio all’inventore del Palio, una persona stimata e benvoluta da tutta la comunità. Pur essendo di Tolfa, vivo questa manifestazione da vent’anni con la stessa immutata emozione. Quest’anno poi le attese sono anche più elevate, per la lunga attesa che ha preceduto l’evento e per il carico emozionale legato al ricordo di Riccardo. Essendo un’autodidatta, nel realizzare le mie opere non seguo una tecnica precisa, ma diciamo che, dipingendo, esterno quello che ho nel cuore e se con questo mio lavoro riuscirò a trasmettere anche solo una minima parte delle emozioni che provo, allora vuol dire che ho raggiunto il mio obiettivo. Essendo mamma di una bambina di due anni, per quest’anno avevo deciso di non prendere parte alla selezione, ma quando poi ho conosciuto il tema, non ho potuto esimermi. Del resto, quando le mani sono guidate dal cuore, risulta tutto molto più facile”.

rinaldi croce rossa
Riccardo Rinaldi

Dello stesso avviso anche la presidente di Eureka, Silvia Sestili.

“Quello della Sestili – spiega – è un bozzetto straordinario non solo per la tecnica, ma per la potenza con cui riesce a comunicare ciò che Riccardo ha rappresentato per la nostra comunità. Per il prossimo 15 agosto, stiamo cercando di organizzare una notte che sappia valorizzare al meglio non solo l’opera in questione, ma anche la figura del nostro Rinaldi”.

Molto emozionato il sindaco Luigi Landi. “Quello a Rinaldi – sottolinea – era un tributo doveroso a chi ha inventato una kermesse che è diventata il fiore all’occhiello di tutto il territorio. Questo è il nostro primo Palio da amministratori, quindi per tutti noi l’emozione è ancora più grande. Dopo due anni di attesa, si ricomincia a fare sul serio e le aspettative sono anche più alte, per questo la kermesse sarà ancora più avvincente. Questa che ruota attorno al Palio è una realtà che sto scoprendo e gustando giorno dopo giorno insieme alla cittadinanza. È un momento molto importante, da vivere con molta intensità ma anche con molto impegno”.

“A questo proposito ringrazio la Commissione Cultura, l’Associazione delle Contrade, Eureka, la Pro Loco, le artiste che si sono messe in gioco e quanti contribuiranno alla buona riuscita della festa – aggiunge il primo cittadino -. E quindi invito tutti ad avvicinarsi al Palio nella maniera più giusta, con spirito di collaborazione e partecipazione attiva. Il senso di appartenenza e il giusto protagonismo sono un essenziali elementi di vita. E’ vero che un evento di tale calibro impone anche qualche sacrificio alla collettività, ma i benefici e i risvolti positivi superano di gran lunga gli eventuali disagi. Le contrade sono state impeccabili nel rimettere in piedi tutto nel modo giusto e sono certo che, lavorando in sinergia, getteremo le basi anche per un percorso futuro di crescita”.

Tiziana Cimaroli

Pubblicato giovedì, 21 Luglio 2022 @ 21:32:28     © RIPRODUZIONE RISERVATA