La De Lazzaro fa tremare la maggioranza di Ladispoli: tensioni esplose in Consiglio - Terzo Binario News

Lo scontro con la presidente dell’assise Caredda fanno emergere le spaccature nel centrodestra: “Mi aspettavo di essere difesa, non zittita da lei e da Grando”

Una semplice presa di posizione ha messo in crisi la maggioranza di centrodestra di Ladispoli. Durante l’ultimo consiglio comunale, la consigliera Miriam De Lazzaro è intervenuta – grazie alla possibilità offertale dall’articolo 97 del Regolamento Comunale – per chiedere chiarimenti sulla candidatura ad agente di polizia locale di un consigliere comunale di maggioranza. Chiarimento che non c’è stato perché quando la De Lazzaro ha espresso la sua presa di distanze “per l’inopportunità della candidatura” la Caredda l’ha interrotta sostenendo come l’argomento non fosse all’ordine del giorno.

Nemmeno il farle notare come fossero in discussione solo le mozioni le ha fatto cambiare idea. Così la De Lazzaro ha salutato tutti abbandonando l’assise e in quel momento la maggioranza è venuta meno soccorsa da De Simone, assente alla prima chiamata, che ha garantito il numero legale.

La diretta interessata non ha preso affatto bene gli accadimenti: “Nell’intervento che avevo preparato – spiega Miriam De Lazzaro – sarei stata a favore dell’Amministrazione, perché secondo me quella candidatura poteva comprometterne l’immagine e la trasparenza di palazzo Falcone. E nessuno ha messo in discussione le necessità personali, specie il momento difficile dal punto di vista economico e professionale che attraversiamo”.

“Ho come l’impressione – riprende la de Lazzaro – che nel consiglio precedente nessuno ha obiettato quando ho preso la parola per chiedere spiegazioni sulla fascia tricolore a Cavaliere ma è facile spiegare perché: bisognava votare su cimitero e soprattutto il bilancio”.

Peggio ancora il sentimento provato quando le è stata tolta la parola: un’offesa verso i cittadini che rappresenta e più ancora come donna: “Un atteggiamento scorretto della Caredda, lei presidente del consiglio e donna a sua volta. per di più ha agito su precisa richiesta del sindaco Grando con cui siamo colleghi di partito. Ma d’altronde potevo parlare liberamente se ‘interesse era il bilancio, delle questioni riguardanti i ladispolani invece non si può discutere nemmeno nel luogo preposto”.

“Ovvio quindi che la maggioranza balli e con essa la Lega” conclude Miriam De Lazzaro, che ringrazia il consigliere di opposizione Eugenio Trani per le dichiarazioni post consiglio.

Pubblicato giovedì, 19 Novembre 2020 @ 05:10:07     © RIPRODUZIONE RISERVATA