De Angelis - Orsomando: Su "Lungomare avevamo ragione noi" - Terzo Binario News
Riceviamo e pubblichiamo

VISTO CHE AVEVAMO RAGIONE NOI ed è stato lo stesso Sindaco Pascucci ad ammetterlo, neppure tanto indirettamente, difatti in preda al solito delirio di annunci da impresa storica ha detto che è stata firmata dal notaio la cessione da parte dell’Ostilia al Comune di Cerveteri, della“STRADA” Viale Lungomare dei Navigatori Etruschi e NON del Lungomare come Lui vorrebbe far credere ai cittadini (Fake News o peccato veniale…chissà !). E noi lo confermiamo i Cittadini sono diventati proprietari di una “STRADA” e non di altro, quindi si tratta di quel nastro d’asfalto che corre parallelamente al lungomare tanto ambito. Strada che, prima di questi giorni e relativi preparativi per gli eventi, era in buone condizioni e oggi è in pessimo stato.

I Cittadini sono diventati proprietari di una “STRADA” sulla quale, quando era privata, sono stati spesi soldi pubblici per il rifacimento di 80 punti luce (impianti ex novo), realizzati dalla nostra municipalizzata Multiservizi Caerite, in sostituzione di quelli in disuso perché vecchi e spenti da tempo(vi ricordiamo che avrebbe dovuto pensarci Ostilia) il tutto per un costo di circa 25mila euro (soldi pubblici), terminati, guarda caso, il 4 luglio 2019 cioè prima degli eventi e del “Jova Beach” e prima che la strada stessa diventasse di proprietà di Cerveteri il 12 luglio nel frattempo, però, in tutti questi oltre 7 anni di mandato del Sindaco, residenti e non sono rimasti al buio. 

E’ vero i Cittadini sono diventati proprietari di una “STRADA” che rimanendo in comodato d’uso e di proprietà privata dell’Ostilia, lo stiamo dicendo da oltre 2 anni con tanto di esposti, non avrebbe consentito all’Amministrazione di spendere neppure 1 euro di soldi pubblici di oltre 800mila euro del Finanziamento Regionale derivanti dal recente impegno firmato a tempo determinato e, caro Sindaco, c’è poco da vantarsi perchè questo dimostra che tutto questo lungo ”calvario” avrebbe potuto essere evitato e concluso tanto tempo fa, senzaciurlare nel manico edevitando tutti quegli errori, da noi segnalati più volte anche in Consiglio, frutto di una sua errata domanda con allegati prima un inconsistente “nullaosta” e poi un carente “comodato d’uso” che hanno reso difficoltoso l’iter burocratico di finanziamento per la “STRADA” in questione. Vede Sindaco MAGARI fosse stato il “LUNGOMARE”, come “furbescamente” vuole far credere  a tutti, peccato che nella realtà è solo la “STRADA” quella stessa strada dove l’Ostilia avrebbe dovuto fare e non ha fatto e non sappiamo se di questo dobbiamo ringraziare Lei o chi altro.  Quando ci spiegherà Sindaco a che punto sono il recupero di tutta quella marea di soldi spesi per i lavori in danno (siamo arrivati a 900000 o no?) con relativi ricorsi fatti all’Ostilia e il perché ha creato un plusvalore alle proprietà Ostilia concedendo in un presunto piano integrato circa 260mila m/c di costruzioni, le saremmo grati ?. Per NOI, lo ripetiamo, la zona a mare va risistemata e se qualche sacrificio andrà fatto dovrà essere solo nell’interesse di Cerveteri e dei suoi cittadini oltre che nel rispetto di leggi e Ambiente ma non come sta facendo Lei che con le prescrizioni della Regione Lazio ci ha forse fatto gli aeroplanini di carta.

Prescrizioni che, a quanto sembra, non vi autorizzavano a fare sbancamenti, scorticamenti e scavi vari azzerando “prati dunali” e/o cordoni dunali.  Ma, ad esempio, lo vogliamo dire che la “relazione vegetazionale” di cui parla è stata fatta, dopo un presunto sopralluogo del 14 maggio 2019 ma che è stata affidata ufficialmente il 27 maggio per una somma di circa 3.000 euro di soldi pubblici tramite determina comunale che ha richiamato, come motivazione, il contestato finanziamento regionale sulla strada di Viale Lungomare dei Navigatori Etruschi (quella in comodato uso ed un’altra situazione) e poi, la relazione è stata fatta su l’area adiacente (tutta quella sbancata e rasa a zero) che è privata dell’Ostilia ?  E lo vogliamo sempre dire che prima della sua ”Relazione Vegetazionale” richiesta per dimostrare la non esistenza di dune o similari nell’area “sbancata”, vi è stato, invece, il sopralluogo della Commissione Regionale per la VIA la quale, nella valutazione di incidenza, ha detto il netto contrario ovvero che era esistente un prato dunale con vegetazione ed organismi riconducibili al sistema di cordone dunale e dune che andava da voi protetto e si consentiva solo eventuale “livellamento” sabbia ?. Lo vogliamo dire che il Dirigente Ambiente del Comune ha risposto, proprio in questi giorni, ad un nostro accesso atti, riferendosi alla stessa “Relazione Vegetazionale”, dicendo che trattasi  di uno “stralcio” e quella definitiva dovrebbe arrivare tra 60gg. e allora come avete potuto buttare  giù tutto, eliminare tutto, sbancare e scavare sino alla recinzione della zona protetta Palude di Torre Flavia se tale relazione era provvisoria ? .  Lo vogliamo dire che ad oggi, dopo oltre 30gg. sia il Dirigente del Comune interpellato che altri, a nostro regolare accesso atti, non hanno fornito nessuna risposta su Concessioni, Autorizzazioni dei lavori, sugli scavi eseguiti, sui progetti, i permessi e pareri di autorità terze e quant’altro ?. Ma Lei lo sa che questo potrebbe essere Abuso d’Atti d’ufficio?. Lo vogliamo dire che siamo riusciti ad ottenere, dalla Multiservizi, soltanto copia di nr. 2 affidamenti di lavori (privi di protocollo, offerte e allegati) rispettivamente di circa 31.000 e di circa 8.000 euro  appaltati, guarda caso, a nr 02 cooperative entrambe di Bitonto (BA) che sono la Soc.Coop. ”La Rosa Blu” (già individuata un anno fa) e la coop. “Il Salice” entrambe con identica sede legale e domicilio fiscale in via L.D’Angiò,47 (Bitonto) ?.E’ forse per questo che macchine e personale dell’ASV (pagata dai cittadini) erano sempre presenti in cantiere ?. Se poi la far star bene, facendo il gioco delle tre carte, dire che il Comune di Cerveteri non ha speso nemmeno un euro quando probabilmente, conti alla mano, secondo noi ce ne ha rimessi eccome….faccia pure…faccia pure.   Certo che sarebbe interessante sapere se, in tutto questo contesto con Circus Village annesso vi siano le dovute autorizzazioni per attività inerenti pubblico spettacolo come l “affascinante” Ruota panoramica o “l’acquosa” mongolfiera e se le stesse, invece, non rappresentino un pericolo impattante specialmente per l’evento principale, come sarebbe interessante sapere se vi sono alcune Autorizzazioni dei Vigili del Fuoco o se qualcuno controlla e fa rispettare l’ordinanza sindacale visto che le attività dovrebbero essere sino alle 24.00 e poi ci risulta si arrivi sino alle 2.30 di mattina. Lei Sindaco, da buon pifferaio, getta fango su chi tenta di esprimere un opinione diversa dalla sua e allora tira fuori la storia dei treni straordinari messi a disposizione grazie a voi senza però dire che costeranno da 8 a 10 euro a persona (un enormità, secondo prenotazione e con posti limitati) oppure che ha predisposto un piano parcheggi su aree private (forse agricole ?) di cui non si conosce se con guardiania presente e con autorizzazioni temporanee ed altro e dove il posto auto costerà la “modica” cifra sempre da 8 a 10 euro a macchina(secondo se si prenoti prima o no sempre con posti limitati), il tutto per la felicità di pochi nobili eletti. Se questo è il vostro lavorare senza sosta a riflettori spenti allora è meglio che li accende questi riflettori altrimenti rischia di andare a sbattere contro il suo delirio di onnipotenza. Vedrà il tempo ci darà ragione per l’ennesima volta e sarà Lei e la Sua Amministrazione a non avere più pubblicità gratuita.

Aldo De Angelis
Salvatore Orsomando

Pubblicato domenica, 14 Luglio 2019 @ 10:37:09     © RIPRODUZIONE RISERVATA