De Angelis - Orsomando: "Cronaca di un brutto consiglio comunale. Violenta aggressione verbale ai consiglieri di opposizione" - Terzo Binario News

Riceviamo e pubblichiamo – Siamo disgustati, amareggiati, sconcertati, ma non delusi. L’opposizione, quella vera e responsabile, ha fatto soltanto il proprio dovere e, dopo i fuochi e le offese, sono soltanto parole vuote le accuse del Sindaco, per quanto riguarda la sua débacle del consiglio del 09 ottobre, cercando di rimpallare colpe e responsabilità, come di consueto, su di noi accusandoci di irresponsabilità e quant’altro malgrado è la sua stessa Maggioranza (e questo è strano…) a far mancare il numero legale e, cosa non trascurabile, tutto questo sotto la maldestra regia del Presidente del Consiglio Travaglia che, sull’orlo di una crisi di nervi e forse interpretando a proprio uso e consumo la normativa vigente, dimostra ancora una volta di non essere proprio al di sopra delle parti come il ruolo richiede, arrogandosi il diritto di censurare i discorsi a lui non graditi spegnendo i microfoni e impedendo ai cittadini non presenti in aula di ascoltare gli interventi nella diretta streaming, negando la parola ad un consigliere di opposizione Piergentili (guarda caso è sempre lo stesso e viene da pensare se non è sbocciato un amore !) e consentendo sistematicamente al Sindaco ciò che non andrebbe concesso sino a tergiversare per la verifica del numero legale in aula.

Per dovere di cronaca è opportuno informare i cittadini che è vero che quando abbiamo visto che la Maggioranza non aveva i numeri abbiamo deciso di uscire dall’aula al momento della verifica e questo proprio per dimostrare che non siamo la stampella di questo Sindaco irriverente e irrispettoso, a differenza del duo di consiglieri Mancini e Accardo che addirittura sono stati ringraziati per essere, invece , rimasti ai loro posti dimostrando di voler aiutare questa Maggioranza, come bravi soldatini, malgrado sono stati eletti in opposizione e con un candidato sindaco differente, e allora la domanda nasce spontanea , amano il brivido istituzionale o vogliono andare a governare ?.Beh, sinceramente, non è che ci interessa molto visto la loro silente e impercettibile presenza in Consiglio Comunale con le loro strambe votazioni e anomale astensioni, forse pensano che mancando i contenuti è preferibile giocare con effetti speciali di vecchia data. Non possiamo non negare che siamo disgustati nel constatare che i vecchi sistemi non sono affatto cambiati con questa amministrazione che aveva come cavallo di battaglia il cambiamento nei metodi di governo e la trasparenza su qualsiasi atto deliberativo e la bagarre scatenatasi sull’argomento Cantina Cerveteri srl lascia vari dubbi se non reconditi sospetti. Siamo disgustati di constatare il poco, se non per nulla, rispetto dei consiglieri, mediante i loro comportamenti poco urbani quasi a definirli maleducati o incivili, nel confrontarsi con i colleghi ed irrispettosi verso il luogo in cui si svolge il consiglio. Siamo amareggiati perché si sta giocando con la pelle dei soci conferitori che non si rendono conto e sono stati, forse, portati in consiglio per assistere alla sterile potenza di fuoco amministrativa di questo Sindaco cercando di far passare come “interesse pubblico” quella che è una, neppure tanto velata, pericolosa operazione finanziaria. Siamo veramente sconcertati per la ignobile quanto vemente aggressione verbale e offese con le quali, un noto cittadino di Cerveteri, ha praticamente bersagliato i consiglieri di opposizione Aldo De Angelis e Annalisa Belardinelli accompagnando il tutto con atteggiamenti poco rassicuranti e in preda ad un inspiegabile rabbia fuori controllo, neppure fosse un intrepido allievo del Sindaco già tristemente noto per esternazioni similari e poco felici in pubblico nei confronti dei consiglieri di opposizione. E allora ci si chiede come dar torto al consigliere De Angelis che vuole denunciare l’episodio alle Autorità?.

Tutto ciò gonfia chi si nutre di antipolitica. E’ stata una pagina che ha fatto male alla politica e alla democrazia, alla sovranità delle istituzioni e di riflesso verso la città che ascolta. Siamo Amareggiati in quanto purtroppo non rimane che constatare il continuo danno che giorno per giorno si perpetra alla comunità nel continuo stillicidio della ingovernabilità che oramai da tempo attrice nel corpo consiliare di Maggioranza,nel Sindaco e nella sua giunta. Lo sconcerto nasce e si radica rendendosi conto in che mani gli elettori hanno affidato le sorti del nostro paese, spero che ne facciano ammenda per il futuro , in mani che hanno tutt’altro interesse per lo sviluppo ed il progresso dei cittadini e le parole pronunciate dal primo cittadino in una delle fasi concitate del consiglio la dicono lunga e forse sottintendono un significato. Qui non ci sono primi della classe ma solo consiglieri che vogliono adempiere al loro dovere . Noi andremo avanti, anche nel caso in cui, con l’aiuto di qualche stampella politica priva di anima e attributi, questa maggioranza il prossimo Consiglio riuscisse a far votare la Delibera sulla Cantina di Cerveteri srl. perché siamo convinti che c’è qualcosa che non và !!!

Aldo De Angelis Salvatore Orsomando

Consigliere Comune di Cerveteri Consigliere Comune di Cerveteri

Pubblicato mercoledì, 10 Ottobre 2018 @ 08:00:16     © RIPRODUZIONE RISERVATA