Da Manziana ad Harvard: la storia di Chiara Trebaiocchi - Terzo Binario News

A 31 anni è titolare della cattedra di letterature e lingue romanze nella prestigiosa università. Il sindaco Bruni: “Orgogliosi di te”

Da Manziana ad Harvard il passo è breve. Almeno è stato così per Chiara Trebaiocchi: a 31 anni è titolare della cattedra di letterature e lingue romanze nella prestigiosa università statunitense.

“Manziana è grata a questa “sua” giovane donna, da poco diventata anche mamma, che, con impegno e sacrificio, è riuscita a farsi strada nel mondo accademico statunitense, dimostrando concretamente che è possibile costruire il proprio futuro puntando solamente sul proprio talento – ha detto il sindaco, Bruno Bruni – mi auguro che questa notizia sia di esempio e dia anche stimoli a tanti altri ragazzi desiderosi anche loro di percorrere queste ed altre carriere similari: ciò che ha fatto Chiara è la dimostrazione che nulla è impossibile”

“Al tempo stesso è, però, anche un campanello di allarme (l’ennesimo!) ed una denuncia concreta nei confronti del nostro mondo universitario e lavorativo: speriamo che presto l’Italia torni ad essere un paese in grado di puntare sullo studio – ha continuato Bruni – sulla ricerca e sui giovani, non spingendo più i propri ragazzi a farsi valere oltre confine se non per loro scelta”.

“Ancora tanti complimenti a te, Chiara e, permettimelo, anche ai tuoi genitori che con il mondo accademico non hanno nulla a che fare – ha terminato – immagino i tanti sacrifici che hanno fatto negli anni e ora anche il loro orgoglio nel vedere realizzati i sogni della loro bambina, diventata donna, mamma e titolare di una delle cattedre della più antica istituzione accademica statunitense. Manziana è davvero orgogliosa di te!”.

Pubblicato giovedì, 2 Luglio 2020 @ 12:37:36     © RIPRODUZIONE RISERVATA