Da Ladispoli: "Non abbiamo operai per installare le panchine": gli imprenditori le propongono a Cerveteri - Terzo Binario News

“Poche righe per raccontare una disavventura avuta col Comune di Ladispoli.

Uno pensa di averle viste e sentite tutte, ma poi…Tre cittadini, proprietari di tre attività private, al posto della solita pubblicità decidono di donare al Comune di Ladispoli tre panchine, convinti in questo modo di dare un contributo al Bene Comune.

I tre imprenditori contattano il delegato al commercio e l’Assessore ai lavori pubblici, ricevono l’autorizzazione e provvedono all’acquisto delle panchine in attesa di disposizioni per le modalità di installazione.

Passano le settimane, i mesi, intercorrono mail, messaggi, telefonate e alla fine riescono a parlare con il responsabile dell’area servizi, il quale imbarazzato comunica: “Le panchine dovete installarle voi: il Comune non ha a disposizione nemmeno un operaio, l’ultimo è andato in pensione da poco”.

A questo punto sorgono non poche domande: come può un privato installare una panchina in un parco pubblico? Con quale criteri e competenze potrebbe farlo? E le norme di sicurezza? Com’è possibile che un Comune di una città come Ladispoli non abbia a disposizione un operaio? Come si può spingere alla partecipazione un cittadino se di fronte ad un’iniziativa virtuosa l’Amministrazione risponde in questo modo?

I tre imprenditori delusi proporranno le panchine, ormai acquistate, al Comune di Cerveteri. Vediamo se la musica cambia”.

Lettera Firmata

Pubblicato mercoledì, 15 Settembre 2021 @ 11:17:49     © RIPRODUZIONE RISERVATA