Civitavecchia, i sindacati sulla centrale: "Scongiurare effetti negativi" - Terzo Binario News

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – Il 15 maggio si è aperto il confronto tra OO.SS. e Regione Lazio sulle problematiche connesse alla riconversione della Centrale termoelettrica Torrevaldaliga di Civitavecchia: CGIL CISL UIL territoriali e sindacati di categoria , alla presenza dell’assessore al Lavoro Claudio Di Berardino e dell’assessore allo sviluppo economico Gian Paolo Manzella, hanno espresso una serie di preoccupazioni , a partire dall’ennesima ingiustificata riduzione di personale annunciata da Enel che rischia di produrre ricadute drammatiche in termini occupazionali per i lavoratori dell’indotto e creare grandi problemi sulla sicurezza degli impianti, della cittadinanza e del territorio.

Civitavecchia ha dato molto nel corso degli anni e subito un impatto ambientale del quale bisogna tenere conto, ragione quest’ultima per la quale sarebbe inaccettabile un disimpegno di Enel. E’ necessario fino da ora prevedere interventi di riconversione che tengano conto dello sviluppo energetico e della sostenibilità ambientale e delle prospettive occupazionali.

Gli assessori hanno condiviso le preoccupazione espresse dalle confederazioni e dalle categorie ed assunto l’impegno di verificare con Enel i singoli temi, di tenere aperto un tavolo di confronto e manifestato l’intenzione della Regione Lazio di essere tra gli attori che discuteranno le strategie e il futuro energetico del Paese, della Regione e del Territorio.

Qualora infine la prevista riunione del 21 maggio con ministeri competenti Comune e Regione non dovesse prevedere un impegno serio da parte di Enel a ragionare della fase transitoria, preservando gli attuali livelli occupazionali fino alla dismissione dei combustibili fossili, e dei progetti di riconversione industriale , la Regione formalizzerà al governo la necessità di un confronto istituzionale.

CGIL CISL UIL e le categorie presenti al tavolo confermano il loro impegno per scongiurare gli effetti negativi che la nuova riorganizzazione potrebbe comportare e si impegnano a mettere in campo tutte le iniziative che riterranno opportune.

Pubblicato venerdì, 17 Maggio 2019 @ 10:39:33     © RIPRODUZIONE RISERVATA