Civitavecchia, Enel a Cozzolino sul carbone: "Serve prima un piano energetico" - Terzo Binario News

Enel precisa di aver presentato, come richiesto dal decreto MATTM n° 430 del 4/12/18, entro il 31 gennaio 2019, tutta la documentazione necessaria ad avviare il procedimento di Riesame di Autorizzazione Integrata Ambientale, comprensiva anche del Piano di attività per la cessazione definitiva delle unità a carbone e il relativo cronoprogramma.

Relativamente alla data di cessazione degli impianti alimentati a carbone, Enel ha osservato che, coerentemente con quanto previsto dalla SEN 2017 e dalla versione preliminare del Piano Integrato Energia e Clima, il phase out di tali impianti dovrà essere inserito all’interno di un articolato programma di sviluppo di nuova capacità e di adeguamento infrastrutturale del sistema elettrico, che permetta tale transizione in condizioni di sicurezza del sistema.

La risposta di Enel va quindi nella direzione di avviare questo processo attraverso un tavolo comune con il Ministero dell’Ambiente, il Ministero dello Sviluppo Economico e le altre amministrazioni interessate in modo da costruire una strategia comune che ne definisca modalità attuative e tempistiche condivise, come previsto dalla SEN 2017 e dalla versione preliminare del Piano Integrato Energia e Clima.
Tutte le informazioni trasmesse formalmente da Enel, nell’ambito dell’avvio del procedimento di Riesame, rispondono pienamente a quanto richiesto dal decreto MATTM.
Enel si è riservata soltanto la facoltà, come previsto dal processo di Riesame AIA, di non pubblicare i dati tecnici che risultino sensibili ai fini del mercato elettrico.

Pubblicato sabato, 9 Febbraio 2019 @ 07:28:47     © RIPRODUZIONE RISERVATA