Civitavecchia, Assoconsum porta l’Asl in procura per il caso Bramante - Terzo Binario News

Il sottoscritto Ettore Salvatori in qualità di Presidente e legale rappresentante dell’associazione denominata “ASSO-CONSUM- Associazione per la difesa dei consumatori, degli utenti e dei cittadini nel campo della vita, dei consumi consapevoli, dell’eco-ambiente, del territorio, dell’energia e delle telecomunicazioni” con sede in Roma, Via Nizza 51, C.A.P. 00198, CFeP.I 07950490636 iscritta nell’elenco delle associazioni dei consumatori e degli utenti rappresentative a livello nazionale (C.N.C.U.) di cui all’art 137 del D.lgs. 6 Settembre 2005, n° 206 ( Codice del Consumo) visto il D.M del 28.06.2010 ( in G.U n°163 del 15. 07. 2010), espone quanto segue

Premesso che:

È del 20 luglio la notizia per cui sono stati denunciati ex responsabili, medici e dipendenti per associazione a delinquere del Centro Diagnostico di Civitavecchia. Nella fattispecie per falsi referti, falso in atto pubblico, falsificazione di registri informatici e truffa aggravata. Dal 2013 al 2015 le dipendenti del centro si sono intascate circa 200 mila euro in ticket e i medici hanno falsificato 14 mila referti, dal valore complessivo di 3 milioni di euro, inducendo i pazienti a sottoporsi a risonanze magnetiche con somministrazioni di mezzo di contratto, senza il consenso informato e senza anestesia. 

Asso-Consum presenta:

ESPOSTOA) se siano stati effettuati da parte dell’ASL i dovuti controlli delle fattureB) in caso contrario, di chi siano le responsabilità

Con riserva di costituzione di parte civile per il risarcimento dei danni materiali e morali subiti dai cittadini e dagli utenti in conseguenza della condotta sopra descritta, si resta a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento dovesse rendersi necessario e si chiede che la S.V. intervenga nella maniera più celere possibile nei confronti dei predetti soggetti al fine di evitare ulteriori conseguenze del reato.

Si formula richiesta di essere informati, ex art. 406 III° comma c.p.p., di ogni eventuale richiesta di proroga delle indagini, e, altresì, di essere avvisati, ex art. 408 II° comma c.p.p., di un’eventuale richiesta di archiviazione

Pubblicato martedì, 20 Agosto 2019 @ 15:08:31     © RIPRODUZIONE RISERVATA