Cerveteri, la Multiservizi Caerite mappa gli alberi cittadini - Terzo Binario News

La Multiservizi Caerite S.p.A ha da poco terminato il censimento puntuale delle alberature di proprietà del Comune di Cerveteri iniziato nel marzo 2017. Con il censimento delle alberature pubbliche il Comune si dota di uno strumento tecnico che consente di avere un elenco (catasto degli alberi) e quindi un bilancio complessivo del patrimonio arboreo in osservanza di quanto prescritto dalla legge n.10 del 14 febbraio 2013 “Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani”, che obbliga i Comuni ad eseguire un censimento degli alberi.

Il Comune di Cerveteri si conferma quindi capofila in Italia, essendo fra i pochi Enti ad aver completato il censimento arboreo e ad averlo reso digitale, pubblicando la mappatura online sul sito https://www.multiservizicaerite.it/censimento-alberature/ .

“Siamo orgogliosi del lavoro svolto dalla Multiservizi che consente a questa Amministrazione di confermare la vocazione ambientale e l’attenzione all’immenso patrimonio arboreo del nostro territorio”, commenta il sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci.

Quello del censimento arboreo online “è un ulteriore segnale della volontà di rendere sempre più efficiente e trasparente la cura del verde nella nostra città, come confermano i report delle attività svolte e la programmazione settimanale che tutti i cittadini possono verificare sul sito internet”, spiega Elena Gubetti, assessore all’ambiente di Cerveteri.

“In due anni, grazie ad un lavoro di programmazione, censimento e digitalizzazione realizzato da personale qualificato che lavora in Multiservizi l’azienda ha realizzato un risultato importante che la pone fra le poche realtà in Italia ad avere una mappatura online del patrimonio arboreo”, afferma Claudio Ricci, amministratore unico di Multiservizi Caerite.

Il totale delle alberature censite è di 2.947, di queste 587 sono censite ma non cartellinate e quindi non compaiono nella mappa. Oltre all’apposizione di un cartellino con numero identificativo, per ogni pianta vengono registrate e informatizzate in un database altre importanti informazioni come: numero ID, specie, diametro del fusto, altezza, localizzazione, coordinate geografiche, anno dell’ultima potatura o dell’eventuale abbattimento e classificazione dell’albero (pianta giovane, albero adulto, albero maturo, pianta monumentale …).

Ad oggi sono state censite 2.947 piante arboree di cui 2.360 cartellinate. Il 45% degli alberi censiti è ubicato a Cerenova, mentre il 28% circa è sito a Cerveteri e il 19% Valcanneto. Le altre località del Comune di Cerveteri ospitano invece la restante percentuale delle alberature.

E’ interessante notare come mediamente una pianta su cinque appartenga alla specie del pino domestico, molto presente sia nelle località di mare, sia a Valcanneto. Piuttosto rilevante è poi la percentuale di eucalipti e a seguire di pioppo nero e leccio. Da segnalare è poi la presenza dell’ulivo che in ambito cittadino ripropone un elemento tipico della campagna circostante.

Il censimento rappresenta uno strumento fondamentale per la cura e la manutenzione del verde pubblico, in quanto solo grazie ad una conoscenza approfondita è possibile eseguire una pianificazione ed una gestione attenta e puntuale del patrimonio arboreo, sia nel tempo, sia nello spazio. Grazie alla mappatura degli alberi, è possibile tra l’altro pianificare la messa a dimora di nuovi alberi, valutando ad esempio quali sono le aree a scarsa presenza arborea. Il catasto permette poi un’individuazione veloce ed univoca delle piante segnalate dal personale della Multiservizi, del Comune e da privati cittadini. Questo consente, infatti, interventi mirati a tutto vantaggio della razionalizzazione delle risorse impiegate e di una gestione più rapida del verde pubblico.

Lo comunica in una nota l’Ufficio Stampa di Multiservizi Caerite.

Pubblicato mercoledì, 17 Aprile 2019 @ 16:42:58     © RIPRODUZIONE RISERVATA